Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
 

Eutanasia per i bambini: quale genitore potrebbe accettarla?

28/11/2013  In Belgio primo "sì" all'eutanasia ai bambini e ragazzi. lo sgomento di fronte a questa posizione è immenso. Se già è difficile accettare l'idea dell'eutanasia per un adulto, diventa impossibile quando si parla di minori.

  13 voti a favore e 4 contrari: così un'apposita Commissione ha votato un testo di legge che permetterà di praticata l'eutanasia a quei minori che si trovano di fronte a «sofferenze fisiche insopportabili e inguaribili, in fase terminale», se richiesta da loro stessi e «con l'accordo dei genitori».

Uno psicologo dovrà certificare la «capacità di giudizio» dei ragazzini. A votare a favore nelle commissioni Affari sociali e Giustizia del Senato belga, tutte le forze politiche belghe ad accezione dei cristianodemocratici francofoni e fiamminghi e del partito di estrema destra fiammingo Vlaams Belang.

Ora il testo dovrà passare in plenaria ma, nonostante l'orrore che suscita questo provvedimento, pare che le possibilità di approvazione siano concrete.

Inutile dire che lo sgomento di fronte a questa posizione è immenso. Se già è difficile accettare  l'idea dell'eutanasia per un adulto, diventa impossibile quando si parla di bambini malati.

E' impossibile credere che un ragazzino possa realmente farne richiesta e se ciò accade c'è da chiedersi in quale arido ambiente, familiare e sociale, è nato ed è stato curato e cresciuto.
Ed è davvero ridicola poi la presunzione che uno psicologo possa comprendere la «capacità di giudizio» del piccolo che già sta soffrendo e che avrebbe bisogno solo di affetto e amore per sopportare la paura.

Non è invece ridicola, ma terrificante, l'idea che un genitore, seppur disperato, possa solo pensare a questa "soluzione" delle sofferenze di un figlio malato.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo