logo san paolo
giovedì 19 maggio 2022
 
 

Dal Brasile il nuovo vescovo di Taranto

21/11/2011  Il pugliese Filippo Santoro, già sacerdote fidei donum e vescovo di Petropolis, al posto di monsignor Benigno Papa

Giunge dal Brasile, dove si trovava dal 1984 dapprima come sacerdote fidei donum e successivamente come ausiliare a Rio de Janeiro e come vescovo a Petropolis, il nuovo vescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro. Succede a monsignor Benigno Papa, che ha dato le dimissioni per limiti di età.

Mons. Santoro, 63 anni da poco compiuti,  è nato a Carbonara, in provincia di Bari, e ha studiato Filosofia nell'Università Cattolica di Milano e Teologia nella Pontificia Università Gregoriana di Roma. Sacerdote dal 20 maggio 1972, ha diretto l'Istituto superiore di Teologia di Bari ed è stato responsabile di Comunione e Liberazione in Puglia fino alla partenza per il Brasile.

A Rio de Janeiro ha avuto la responsabilità del movimento fondato da don Luigi Giussani per tutta l'America Latina e nel 1992 ha partecipato come teologo alla IV Conferenza generale dell'episcopato latinoamericano a Santo Domingo. Il 10 aprile 1996 è divenuto vescovo titolare di Tuscamia e dal 12 maggio 2004 era vescovo della diocesi di Petropolis, dove era anche Gran Cancelliere dell'Università Cattolica.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo