logo san paolo
mercoledì 22 settembre 2021
 
dossier
 

Dal Festival del Volontariato: «Basta tragedie nel Mediterraneo»

19/04/2015  La notizia della più grave tragedia del mare (700 vittime) è giunta mentre è in corso il Festival del Volontariato 2015. Ecco le reazioni di Edoardo Patriarca, onorevole del Pd e presidente del Centro nazionale del Volontariato, e di Bruno Molea, deputato di Scelta Civica e presidente di Aics.

«L'ennesima e gravissima, forse la più grave di sempre, tragedia di migranti annegati nel canale di Sicilia ci interpella tutti. Non possiamo tenere la testa sotto la sabbia. Serve un'assunzione di responsabilità collettiva affinché gli Stati del Mediterraneo e l'Europa fermino questa strage di vite umane. Al cordoglio si deve accompagnare l'impegno concreto per cambiare marcia, per fare in modo di gestire nel modo migliore possibile un problema enorme e complicato come questo».

Dal Festival del Volontariato, che si chiude oggi a Lucca dopo quattro giorni di eventi, arriva il cordoglio e l'appello del presidente del Centro Nazionale per il Volontariato Edoardo Patriarca.

Il Festival era iniziato proprio con una riflessione da parte del sottosegretario agli Interni Domenico Manzione sui flussi di migranti e l'accoglienza. «Insieme a Manzione abbiamo riflettuto», aggiunge Patriarca, «sulle enormi dimensioni di questo problema che deve essere affrontato sia sul piano interno, con efficaci e sostenibili politiche di accoglienza, sia sul piano internazionale, agendo in modo diverso per far cambiare marcia all’Europa. Le dimensioni del problema non possono essere un pretesto per indietreggiare, ma una motivazione per chiedere agli Stati dell'Europa e dei Paesi di origine di fare tutti insieme la loro parte per fermare questa tragica e ininterrotta strage».

Edoardo Patriarca, presidente del Centro Nazionale Volontariato e onorevole del Pd.
Edoardo Patriarca, presidente del Centro Nazionale Volontariato e onorevole del Pd.

Anche Bruno Molea, presidente Aics e deputato di Scelta civica, da Lucca commenta l'ultima tragedia del mare nel canale di Sicilia: «L'Italia è stata lasciata sola. Per molti migranti il nostro Paese rappresenta una falsa illusione. Ma per loro la realtà è ben diversa. L'Europa crede di risolvere il problema solo con i contributi economici. Ma le priorità sono altre: dobbiamo puntare sulla prima accoglienza, sulle opportunità d'integrazione, sulla possibilità di comunicare e sulla conoscenza delle leggi».

Per Molea è ormai «diventato impossibile dialogare con chi sta al di là del Mediterraneo». Perché la Libia, «primo trampolino di lancio verso l'Italia», secondo il presidente di Aics «è un Paese fuori controllo, senza interlocutori politici. È impossibile stabilire un accordo per evitare altre stragi. Saranno sempre più drammatiche», ha aggiunto il deputato.

«È cambiato perfino il metodo con cui avvengono questi viaggi della disperazione. Per intercettare i migranti ci spingiamo sempre di più verso le coste libiche. Di fatto i nostri militari sono diventati gli autori degli ingressi in Italia. I trafficanti hanno modificato il modo di agire: danno in mano agli stranieri un satellitare con i numeri da chiamare per essere recuperati dalle motovedette. Ma talvolta non ce la fanno. Proprio come è accaduto stamani».

Al Festival del volontariato, nel corso del convegno "Lo sport supera i confini: storie di partecipazione ed integrazione", Molea è intervenuto anche sul ddl del cosiddetto "ius soli sportivo", da lui proposto, approvato nei giorni scorsi dalla Camera. «La legge dovrà ora passare al vaglio del Senato. L'obiettivo», ha spiegato, «è di arrivare alla sua approvazione entro settembre, cioè prima dell'inizio della stagione sportiva».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%