logo san paolo
venerdì 21 gennaio 2022
 
 

Dalla Cei aiuti alla Siria

12/07/2014  I vescovi italiani si mobilitano. Attraverso la Caritas aiuti dall'8 per mille per un milione di euro.

Poche parole, da parte della presidenza della Cei, riunitasi a Roma l'11 luglio, per dare sostegno concreto alla Siria, dove il conflitto ha già provocato oltre 160.000 morti e 7 milioni di esuli e rifugiati. «Accogliendo le numerose richieste di aiuto pervenute da Caritas Siria e dalle altre realtà ecclesiali attive sul territorio nel portare aiuti concreti, la Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana ha stanziato un milione di euro, proveniente dai fondi dell’8xmille», scrivono i vescovi. La somma è stata affidata a Caritas Italiana, perché provveda ad affrontare la prima emergenza e a sostenere progetti di solidarietà.
Intanto la comunità di Sant'Egidio rilancia l'appello di Andrea Riccardi perché si crei un corridoio umanitario e perché Aleppo diventi la prima città aperta del Medio Oriente. « L'Italia, nel ruolo di guida dell'Ue in questo semestre, deve favorire una soluzione politica globale. La soluzione militare è al fallimento», dice Andrea Riccardi. Serve una «soluzione politica, ma anche umanitaria. A cominciare da Aleppo: attraverso un piano speciale in grado di coinvolgere tutti i soggetti, Assad compreso, e la conseguente creazione di corridoi umanitari e di un ponte speciale di aiuti per una città che è ricattata anche dall'assenza di acqua».L'appello per la Siria si può sottoscrivere sul sito di sant'Egidio.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo