Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
dossier
 

Dalla Francia alla Grecia, come funziona il reddito di cittadinanza in Europa

06/03/2019 

La definizione di Reddito di cittadinanza è un po’ fuorviante, poiché si intende un trasferimento monetario incondizionato (senza distinzione di reddito o età) erogato dallo Stato a tutti i cittadini, ed esiste solo in Alaska. In realtà in Europa e nell’Occidente industrializzato (e il provvedimento del Governo italiano non sfugge alla regola) si parla di un sostegno per determinate categorie, come l’Income support inglese, concesso a chi non ha reddito e non lavora. Va dalle 57,90 sterline a settimana (pari a 65 euro) – concesse a un single tra i 16 e i 24 anni – alle 114,85 sterline per le coppie adulte (circa 129 euro). Il sussidio è ormai una realtà in tutta Europa, perfino in Grecia, che ha sperimentato nel 2017 il Reddito di solidarietà sociale: 100 euro al mese per ogni famiglia più 100 euro per ogni adulto e 50 per ogni minore. In Francia esiste dal 2009 il Revenu de solidarité active (Rsa) che consente ai beneficiari di ottenere un reddito minimo (circa 550 euro) o un’integrazione di reddito. In Germania, l’Arbeitslosengeld è il sussidio mensile di 400 euro al mese destinato a chi cerca un lavoro o ha un salario molto basso (quasi nullatenente). Lo Stato garantisce l’assistenza al soggetto che, tra i vari impegni assunti, deve cercare un nuovo lavoro: vanno documentate tra le 5 e le 15 ricerche di lavoro al mese. In Danimarca, patria del Welfare, il sussidio è di 1.400 euro al mese. Lo stipendio di un insegnante italiano.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo