logo san paolo
domenica 23 gennaio 2022
 
Frontiere
 

Dalla scuola i cittadini di domani

04/09/2015 

Un progetto d'avanguardia per le Marche. Si svolge in questi giorni a Senigallia il IX Seminario Internazionale di Educazione Interculturale intitolato "Andare oltre: per rigenerare la società. I nuovi curricoli della scuola", organizzato da Comunità volontari nel Mondo.

Il Seminario, riconosciuto dal ministero dell'Istruzione,Università e Ricerca e dall'università degli Studi di Macerata, e patrocinato dalla Regione Marche, rientra nel progetto dell'Unione Europea intitolato "Critical review or the historical and social Disciplines for a formal education suited to the global society". Al di là dei titoli, esso va a impattare un settore particolarmente delicato e importante per la società italiana come per ogni società: la scuola e soprattutto la formazione degli insegnanti.

Nella società globale, come i drammi dell'immigrazione dimostrano in modo fin troppo eloquente, è decisivo sviluppare negli studenti, i cittadini e la classe dirigente di domani, una consapevolezza e una capacità di affrontare e gestire le diversità, in una società come quella occidentale che diventa sempre più multietnica e multiculturale.

La sfida del Bene Comune si fa sempre più complessa ed è dunque fondamentale che i professori sappiano adeguatamente preparare al compito gli studenti. Ecco quindi il senso di questo seminario, che ha riunito a Senigallia esperti e studiosi italiani e stranieri delle più diverse provenienze, con un incrocio particolarmente fertile tra Università e mondo del volontariato internazionale. Come ha sottolineato Loretta Bravi, assessore all'Istruzione,Formazione e Lavoro della Regione Marche, "non è un periodo semplice per la regioni europee di confine, in particolare per quelle come la nostra che si affacciano su un mare che nella storia è stato portatore sia di grandi scambi sia di grandi conflitti. Per questo da tre anni la Regione è parte attiva in questo progetto europeo innovativo che fonde l'istruzione e la cooperazione internazionale".

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo