logo san paolo
mercoledì 27 ottobre 2021
 
 

Darfur, liberato Francesco Azzarà

16/12/2011  Il cooperante sequestrato il 14 agosto scorso nel Sudan occidentale è stato rilasciato. E già si preparano i festeggiamenti nel suo paese natale nel Reggino.

Francesco Azzarà, il cooperante di Emergency.
Francesco Azzarà, il cooperante di Emergency.

«Abbiamo appena appreso che il cooperante liberato è Francesco Azzarà». È Paolo Laganà, il sindaco di Motta San Giovanni (Reggio Calabria), paese d’origine dell’operatore di Emergency, il primo a confermare che è proprio Azzarà il cooperante italiano che secondo l’agenzia di stampa sudanese “Sudan Media Center” è stato liberato nel Paese africano.

La notizia riferiva che «le autorità nell'Ovest del Darfur hanno liberato oggi l'ostaggio italiano», senza fornire ulteriori dettagli. Un’ulteriore conferma dell’avvenuta liberazione è arrivata anche da Emergency.

Francesco Azzarà era stato sequestrato lo scorso 14 agosto in Darfur, mentre si recava all’aeroporto di Nyala con alcuni colleghi. «Lo confermiamo, Francesco è libero e sta bene», dichiara il team di Emergency dall’ospedale pediatrico del capoluogo del Darfur, dove Azzarà operava fino al momento del rapimento.

Proprio ieri, 15 dicembre, l’organismo umanitario aveva diffuso una nota nella quale si dava per imminente la liberazione del cooperante italiano. Azzarà, calabrese, da un anno lavora con Emergency. Aveva già effettuato, per conto dell’Ong alcune missioni. In Darfur, la regione occidentale del Sudan travagliata da oltre otto anni di guerra civile, era al suo secondo incarico, al momento del sequestro, come logista del centro pediatrico aperto da Emergency dal luglio 2010.

L’organizzazione non governativa, subito dopo il rapimento, aveva attivato il ministero degli Esteri italiano e tutti i canali a disposizione in Sudan per facilitare il rilascio di Francesco.

A Motta San Giovanni (Reggio Calabria), appena diffusa la notizia della liberazione, c’è già in corso una grande mobilitazione: amici e conoscenti di Francesco si sono ritrovate per strada e hanno iniziato a festeggiare.

Il sindaco Paolo Laganà, intanto, tiene i contatti con i familiari di Francesco che si trovano a Roma. «Siamo davvero emozionati», dice. «C'era una grande attesa e finalmente abbiamo ricevuto questa meravigliosa notizia. Siamo felicissimi. Ora attendiamo con trepidazione il ritorno di Francesco a Motta».

I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%