logo san paolo
domenica 28 novembre 2021
 
Colloqui col Padre
 

Detenuti: «Quel don parla come i delinquenti»

18/01/2018  «Caro padre, il cappellano del Beccaria afferma, nell’intervista che avete pubblicato, che a lui non importa quale reato abbiano commesso i ragazzi lì detenuti. "Il giudizio lasciamolo a Dio". È quello che dicono i mafiosi che affermano di sentirsi come Gesù Cristo in croce e che solo il Padreterno li potrà giudicare...»

Caro padre, il cappellano del Beccaria afferma, nell’intervista che avete pubblicato, che a lui non importa quale reato abbiano commesso i ragazzi lì detenuti. Certo, al don nulla importa, però penso che alle vittime di quei reati o ai loro familiari qualcosa importi, o no? Facile fare il misericordioso quando non si è colpiti in prima persona e le sciagure e le violenze riguardano gli altri. Mi ha colpito anche la frase: «Il giudizio lasciamolo a Dio». È quello che dicono i delinquenti, i mafioosi che affermano di sentirsi come Gesù Cristo in croce e che solo il Padreterno li potrà giudicare. Mi chiedo quando nirà questo buonismo ipocrita che confonde vittime e carneci, riconoscendo a questi ultimi diritti che alle prime sono vergognosamente negati.

SALVATORE RUSSO

Caro Salvatore, se i ragazzi di cui parla don Gino Rigoldi si trovano al Beccaria, cioè in carcere, hanno ovviamente ricevuto una condanna e stanno scontando la pena per quello che hanno commesso. Il cappellano non chiede che vengano liberati, come se fossero innocenti. Quindi non c’è nessun buonismo da parte sua. Né vengono negati i diritti delle vittime. Si tratta invece di recuperare queste persone, peraltro ancora molto giovani, perché ritrovino il senso della propria vita e possano reintegrarsi così nella società. Non si tratta di facile misericordia, ma di impegno per ricostruire un’esistenza autentica. Per questo, al di là del reato commesso, di cui si occupa la giustizia umana, bisogna instaurare un dialogo con la persona perché ritrovi sé stessa. E, sperimentando almeno un po’ d’amore, scopra che ciascuno di noi è fatto per compiere il bene.

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo