logo san paolo
giovedì 11 agosto 2022
 
Salute e ragazzi
 

«Deve indossare il busto per la scoliosi, ma si vergogna»: ecco cosa fare

02/06/2022  «Si sente a disagio e in trappola in quella armatura. Come possiamo convincerlo a indossarlo e a spiegargli che è per il bene della sua salute?»

Fin da piccolo, mio nipote Leo è stato molto esile; crescendo, gli è stata riscontrata una scoliosi e adesso che ha 15 anni gli è stato prescritto un corsetto ortopedico rigido, insieme alle sedute dal fisioterapista per la ginnastica. Per lui è stato un vero e proprio trauma: si è ribellato, dicendo di non volerlo assolutamente portare, ha pianto e si è infuriato. Ci sono volute le parole molto ferme dell’ortopedico e tutta la pazienza di mio fratello e mia cognata per convincerlo. Lo vedo che è costretto in questa specie di armatura rigida e non è a suo agio. Ha ripreso la scuola, anche se si vergogna di avere sempre una maglietta e teme che sotto si possa vedere il corsetto. Per non parlare delle ore di educazione motoria... io vorrei fare qualcosa per rassicurarlo, ma non so bene come fare.

GABRIELLA

— Cara Gabriella, il dolore e la rabbia di Leo sono quelli di un adolescente che, nel pieno dello sviluppo fisico, si sente tradito dal suo corpo. In parte è un problema estetico, e sappiamo quanto oggi i ragazzi si sentano esposti al giudizio altrui, soprattutto se sono attivi sui social. Ma è soprattutto la sensazione di non poter essere in armonia con il proprio corpo, che non può muoversi né esprimere adeguatamente la sua forza e la sua vitalità a causa della scoliosi e della costrizione del corsetto.

L’adolescenza inizia dal corpo, con le trasformazioni della pubertà, e per buona parte è centrata su di esso e sulla necessità di riappropriarsi di questo fisico nuovo, con un’intensa attività della mente. Così come una persona non vedente, abituata a muoversi con scioltezza nel suo appartamento, a cui vengano modificate le proporzioni dei mobili deve ricostruire una mappa mentale della casa e dei suoi movimenti in essa, allo stesso modo un adolescente deve riacquistare familiarità col suo corpo che cresce e si trasforma dopo l’infanzia.

Un corpo che serve all’adolescente come mezzo per comunicare agli altri la propria identità in costruzione, attraverso l’abbigliamento, la capigliatura, la muscolatura, i vari ornamenti. Un corpo percepito come difettoso e non pienamente disponibile può diventare fonte di preoccupazione «Deve indossare il busto ma non lo sopporta, si sente a disagio. Che fare?» e delusione, come avviene a Leo. Probabilmente, con il tempo, il ragazzo si abituerà al corsetto e si rassicurerà.

Nel frattempo, meglio affrontare con sensibilità ogni discorso relativo al suo fisico. Per favorire una migliore integrazione con i coetanei, credo sia opportuno consigliarsi con l’ortopedico per suggerire al ragazzo uno sport utile per la sua scoliosi e che lo inserisca in un gruppo di amici. Inoltre, proporrei di scegliere una palestra per la ginnastica correttiva frequentata da ragazzie non soltanto da persone in età.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo