Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
 

Dichiararsi “servi inutili” è un vero esercizio di umiltà

13/10/2022  Desidero un chiarimento sulla frase che Gesù invita i discepoli a dire, dopo aver svolto ciò che era stato chiesto loro, e cioè: «Servi inutili siamo» (Luca 17,10).

Desidero un chiarimento sulla frase che Gesù invita i discepoli a dire, dopo aver svolto ciò che era stato chiesto loro, e cioè: «Servi inutili siamo» (Luca 17,10).- TERESA MARIA (CATANIA)

 

La parabola che si conclude con quel detto paradossale – ci riferiamo a quella dello schiavo che fa il proprio dovere fino in fondo senza per questo poter pretendere un trattamento di favore (cfr. Luca 17,7-10) – ci permette di capire che, a ben vedere, l’uomo di fronte a Dio si trova in un rapporto di totale dipendenza, e quindi non può certo avanzare pretese di fronte a Lui. Certo, è evidente che lo schiavo, avendo fatto il proprio dovere, non è stato affatto “inutile” (in greco: “achreios”) per il padrone. Vale invece il contrario! Ma è proprio per questo motivo che alcuni commentatori provano a tradurre questo vocabolo diversamente, cioè con “indegno”, “misero”; o, semplicemente, a parafrasare con un’espressione del tipo “semplicemente servo”. Tuttavia, se si considera che la parabola lucana è indirizzata ai ministri (cioè ai servitori) della comunità, allora si comprende bene che quella frase ad essi richiesta diventa una manifestazione esplicita di obbedienza e di umiltà contro ogni tentazione di vantarsi o, addirittura, di accampare diritti soltanto per aver svolto il servizio che è stato loro ordinato di fare (ed è ciò che esprime la frase successiva: «Abbiamo fatto quanto dovevamo fare»).

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo