Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
 

Dieci anni di euro, più poveri del 7 per cento

09/09/2011  Secondo Altroconsumo i prezzi sono cresciuti del 21 per cento, ma il reddito è salito solo del 14 per cento

Altroconsumo fa i conti in tasca all’euro a quasi dieci anni dalla sua introduzione. E scopre che, mentre l’inflazione è cresciuta in media del 2,3 per cento l’anno, ci sono casi di aumenti molto superiori. Ecco una veloce carrellata tra i prezzi prima dell’arrivo della moneta unica confrontati con i livelli attuali (per la precisione, tra maggio 2001 e maggio 2011).

Cereali. Il loro indice, dice Altroconsumo, pur mantenutosi al di sotto dell’aumento generale del costo della vita fino al 2007, è in realtà salito nei dieci anni del 33 per cento, dieci punti in più dell’inflazione,  a causa dell’esplodere della bolla dei cereali. Una volta rientrata l’emergenza, tuttavia, il prezzo del pane non è sceso ai livelli precedenti. Secondo l’associazione, dunque, si tratta di “una tipica dinamica speculativa”.

Altre categorie merceologiche sono cresciute parecchio. A cominciare dalle bevande alcoliche e dai tabacchi, il cui prezzo è cresciuto del 53 per cento, dalle bollette dell’acqua e del gas (+52 e +34 per cento), dai combustibili (+35 per cento) e dai trasporti (+35 per cento).

Fra i settori meno colpiti dai rincari, invece, spicca quello delle comunicazioni (le tariffe sono scese del 27,9 per cento). Hanno registrato incrementi sotto la media anche il settore sanitario (+2,8 per cento), quello ricreativo e culturale (+10,9 per cento), l’abbigliamento e le calzature (+17,9 per cento) e l’arredamento (+20,5 per cento). Leggermente sopra la media, invece, il trend fatto registrare dalle spese per l’istruzione (+26,5 per cento) e per i servizi ricettivi e di ristorazione (+28,9 per cento).

Insomma, per Altroconsumo “non possiamo dire che il passaggio all’euro, dopo dieci anni di moneta unica, abbia rappresentato un salasso per i consumatori; fatta eccezione per il biennio 2007-2008, l’inflazione, in fondo, è cresciuta in modo fisiologico”. Però, è vero anche che negli ultimi dieci anni gli italiani si sono impoveriti. “Se i prezzi in media sono saliti del 21 per cento, non altrettanto ha fatto il loro reddito pro capite (+14 per cento)”. Per i consumatori, quindi, “il risultato è che il nostro potere d’acquisto si è ridotto (-7 per cento), influenzando alcuni comportamenti di spesa”.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo