Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
dossier
 

«Diminuiscono gli aborti ma c'è ancora tanto da fare»

20/11/2022  «Il trend è in calo ma con una accelerazione del ricorso ai metodi farmacologici» spiega l'economista Tony Persico al convegno del Movimento per la Vita in corso a Palermo. «Di questo passo l'interruzione di gravidanza diverrà una tragedia domestica affrontata in solitudine. Le culle per la vita e il parto in anonimato sono una soluzione di cui non si parla abbastanza»

Per avere una panoramica concreta riguardante i numeri più recenti sull’interruzione di gravidanza e l’identikit delle donne che vi ricorrono, Tony Persico, economista, esperto di statistica e volontario del Mpv, ha presentato, al 42° convegno, i dati del Ministero.

Quanti sono gli aborti oggi e qual è il trend?

«Gli aborti sono passati da poco meno di centomila nel 2010 a 60 mila nel 2020. Con un trend di riduzione costante, ma con una accelerazione del ricorso ai metodi farmacologici, evidentemente destinati a superare quelli chirurgici nei prossimi anni. La battaglia, quindi, non è finita».

Chi sono le donne che abortiscono?

«Per quanto riguarda l’età i due picchi numerici delle interruzioni di gravidanza li abbiamo tra le giovani senza figli (20-24 anni) e tra le adulte (30-39) con già due figli. Aumentano i casi tra le donne in cerca di occupazione e diminuiscono tra le occupate. I dati parlano anche di un incremento nelle single e di una diminuzione tra le coniugate. Il matrimonio sembra quindi un fattore protettivo»

Secondo questi dati a cosa si devono preparare i CAV per il futuro?

«Se mettiamo insieme l’aumento degli aborti nelle nubili e quello del ricorso al metodo farmacologico, questi due dati ci dicono che in futuro l’aborto sarà sempre più una tragedia solitaria e privata.  Per questo penso che i CAV debbano imparare a proporre soluzioni diversificate. Per esempio, contrastare gli aborti delle giovani promuovendo il sostegno psicologico. Per quello delle donne adulte pensando a un supporto economico. Il fatto che si trasformerà in un dramma solitario e domestico chiede che i volontari siano sempre raggiungibili dalla donna fino a un minuto prima della decisione irreversibile. Perché possano essere contattabili facilmente vanno promossi e presidiati i canali di comunicazione più veloci e immediati come la chat di Sos vita. Il cellulare, oggi, è sempre a portata di mano e se si vuole chiedere aiuto è lo strumento più vicino». 

Cose ne è del parto in anonimato e dell’adozione?

«In Italia non siamo ancora riusciti a superare appieno le potenzialità di questo strumento. In altri paesi, come negli Usa, è uno dei principali mezzi di prevenzione dell’aborto. Occorre, nel nostro Paese, superare lo stigma e snellire le procedure. Bisognerebbe anche promuovere le culle per la vita. Non se ne parla mai abbastanza. I bambini abbandonati e salvati sono l’inno più credibile della vita che può vincere qualunque difficoltà». 

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo