Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Dio non ci abbandona “alla” o “nella” tentazione?

23/03/2023 

La nuova versione del Padre Nostro usa la dizione «non ci abbandonare alla tentazione». Non sarebbe stato meglio «nella tentazione?». L’uomo, per sua natura fragile, cade nella tentazione ed è proprio lì che invoca l’aiuto del Padre. mentre dire «alla tentazione» dà l’idea di un Padre che lascia andare quasi indifferente. - GRAZIELLA

 

Quel cambiamento nella nuova versione del Padre Nostro (già nella Bibbia Cei del 2008 e poi nel Messale del 2020) giustamente voleva risolvere l’imbarazzo del testo precedente («non ci indurre in tentazione»), che trasmetteva l’immagine inquietante di un Dio che spingeva l’uomo alla tentazione (e quindi al male del peccato). La nuova versione è comunque un compromesso tra la letteralità del testo originale e la riflessione teologica, che tiene conto della rivelazione biblica nel suo insieme (cfr. ad es. Giacomo 1,13: «Dio non tenta nessuno»). Alla luce di tale rivelazione (cfr. anche il Salmo 140,4: «Non lasciare che il mio cuore si pieghi al male e compia azioni inique con i peccatori»), il senso di quella invocazione è: «Non permettere che siamo esposti (e che cediamo) alla tentazione». Comunque, quando si traduce un testo, ogni scelta implica un’approssimazione, nella quale qualcosa può rimanere incompleto o ambiguo.

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo