Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 23 maggio 2024
 
Vaticano
 

GMG, Papa Francesco ai giovani argentini: mate, chitarra e la "maglietta" dell'amore verso Dio

18/07/2023  Per la 𝗚𝗶𝗼𝗿𝗻𝗮𝘁𝗮 𝗠𝗼𝗻𝗱𝗶𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗚𝗶𝗼𝘃𝗲𝗻𝘁𝘂̀, papa Francesco dedica un discorso ai giovani che si sono riuniti in Portogallo per dare loro la benedizione e incoraggiarli ad alzare insieme ,quella che lui chiama, la "𝗰𝗼𝗽𝗽𝗮 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗳𝗿𝗮𝘁𝗲𝗹𝗹𝗮𝗻𝘇𝗮".

"Buongiorno!

Voi, come tante migliaia di giovani che vanno in Portogallo in questi giorni, state rendendo vivo il motto che ci riunisce: come Maria, vi siete alzati — avete lasciato ciò che conoscete: le vostre famiglie e le vostre comodità — e siete partiti in fretta per incontrare gli altri (cfr. Lc 1, 39). Alcuni hanno portato con sé il mate, altri la chitarra; ma ciò che vi identifica tutti è la “maglietta”, la maglietta della fede e dell’amore verso Dio e i fratelli.

Mi piacerebbe chiedervi: vi siete resi conto che vi state preparando per “giocare un mondiale”? Questo “mondiale” è molto speciale, si tratta di un incontro amichevole in cui non ci sono vincitori o vinti, ma vinciamo tutti. Perché quando usciamo da noi stessi e incontriamo gli altri, quando condividiamo, quando diamo quello che abbiamo e siamo aperti a ricevere quello che gli altri ci offrono, quando non rifiutiamo nessuno; allora siamo tutti vincitori e possiamo alzare insieme “la coppa della fratellanza”. Quanto è necessario nel nostro tempo!

In questi giorni a Roma, prima di iniziare la GMG, potete vedere le orme di molti cristiani che seguirono Cristo fino alla fine, di molti santi e sante che diedero la propria vita per Lui in diversi momenti della storia. E questo ci insegna che, con la squadra di Cristo, la partita si gioca fino all’ultimo minuto, e non possiamo distrarci, né fare autogol. Dobbiamo stare attenti e fare gioco di squadra, seguendo le indicazioni del direttore tecnico, cioè delle persone che ci accompagnano e ci guidano, per essere ogni giorno amici migliori di Gesù.

Vi incoraggio a vivere intensamente questo “mondiale”, questa Giornata Mondiale della Gioventù, la quale vi arricchirà con una grande diversità di volti, di culture, di esperienze, di diverse espressioni e manifestazioni della nostra fede. Ma, soprattutto, potrete sperimentare a fondo l’anelito di Gesù: che siamo “una cosa sola” affinché il mondo creda (cfr. Gv 17, 21); e questo vi aiuterà a rendere testimonianza della gioia del Vangelo a tanti altri giovani che non trovano il senso della vita o che hanno smarrito il cammino per andare avanti.

Vi auguro di giocare una bella partita. Che Gesù vi benedica e la Vergine Maria vi custodisca. Vi chiedo di pregare per me. E ci vediamo a Lisbona. Vi do la benedizione.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo