Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
Il sondaggio
 

Dissesto idrogeologico? La politica non se ne cura

26/05/2023  E' l'opinione dominante degli italiani, interpellati dall'istituto Demopolis, l'indomani delle disastrose alluvioni in Emilia-Romagna. Per il 75% dei nostri connazionali, inoltre, le cause di quanto è accaduto negli ultimi giorni in quella regione sono da attribuire soprattutto agli effetti fuori controllo del cambiamento climatico.

Per il 75% degli italiani, le cause di quanto è accaduto negli ultimi giorni in Emilia Romagna sono da attribuire soprattutto agli effetti fuori controllo del cambiamento climatico. Ma, per la maggioranza assoluta dei cittadini vanno ricercate anche nella scarsa cura nella gestione del territorio e nei mancati interventi di prevenzione rispetto al dissesto idrogeologico nel nostro Paese.  

   Sono alcuni dei dati che emergono dall’indagine realizzata dall’Istituto Demopolis.

   Le troppe alluvioni e frane degli ultimi anni hanno determinato una crescente percezione di insicurezza nell’opinione pubblica: oltre i due terzi degli intervistati, il 68%, si dichiarano oggi preoccupati della possibilità che l’acuirsi dei fenomeni climatici possa provocare danni significativi nel proprio territorio. Appena il 25% non avverte particolari timori per l’area in cui vive. 

   Nella percezione dell’opinione pubblica, il drastico cambiamento climatico in corso è determinato prevalentemente dalle scelte e dai comportamenti dell’uomo e dei Governi: ne è convinto il 56%. Per poco più di un terzo, invece, la causa va ricercata nella naturale evoluzione del clima. Ed i giovani italiani appaiono i più consapevoli del peso della responsabilità individuale e politica.

   L’Istituto diretto da Pietro Vento ha analizzato la percezione sull’impegno dei leader mondiali nella lotta al cambiamento climatico: solo un quarto lo ritiene adeguato; il 31%, lo valuta apprezzabile ma non sufficiente. Il 44%, la maggioranza relativa degli italiani, ritiene invece inadeguato lo sforzo dei grandi Paesi per contenere il surriscaldamento globale. 

   Dopo quanto è accaduto in Romagna, l’opinione pubblica chiede oggi interventi più decisi per la prevenzione del dissesto idrogeologico: il 60% degli italiani, intervistati da Demopolis, auspica un piano nazionale di investimenti pubblici per la messa in sicurezza del territorio

 

Nota informativa:

   l'indagine è stata effettuata dall’Istituto Demopolis, diretto da Pietro Vento, il 21 e 22 maggio 2023 su un campione nazionale di 1.500 intervistati, statisticamente rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per aree geografiche di residenza, genere e fascia di età. Supervisione della rilevazione demoscopica di Marco E. Tabacchi. Coordinamento di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Approfondimenti e metodologia su: www.demopolis.it

 

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo