Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
dossier
 

Doc nelle tue mani 3, le cose da sapere

15/12/2023  Retroscena e segreti della terza stagione della serie con protagonista Luca Argentero, nei panni del dottor Fanti liberamente ispirato a Pierdante Piccioni

Luca Argentero è tornato a rivestire il camice di Doc Nelle tue mani, il medico più amato della Fiction italiana. Alla terza serie il personaggio di Andrea Fanti, liberamente ispirato al vero medico Pierdante Piccioni: siamo alla terza stagione,  dall'11 gennaio 2024 su Rai Uno per otto puntate, le prime due in anteprima al cinema. La nuova stagione, ha raccontato alla presentazione Luca Argentero: «riparte da dove si era conclusa la seconda: il dottor Andrea Fanti ha finalmente ripreso il suo camice da primario, ma non solo. Lui, però, non è attaccato al titolo, la sua missione è prendersi cura dei pazienti e della squadra di medici che lo affianca». 

Ritorneranno gli attori che abbiamo lasciato nella scorsa stagione come Matilde Gioli (Giulia) e Sara di Lazzaro (l'ex moglie di Doc Agnese), ma non mancheranno nuovi personaggi. Tra questi è attesissima l'interpretazione di Giacomo Giorgio tra i protagonisti della fortunatissima Mare Fuori: «Qui sono il figlio di un rinomato oculista, che in verità vuole fare serate e pensa ad altro, anche se alla fine la vita del reparto forse riuscirà a scalfire questa sua maschera di superficialità».

Dopo aver scoperto la verità nascosta dietro alla sua perdita di memoria nella prima stagione (nella fiction uno sparo, nella realtà un incidente) e dopo aver combattuto  la pandemia nella seconda, Doc fronteggia una nuova sfida. Al termine di una giornata di lavoro  Andrea viene folgorato da un ricordo dei dodici anni che credeva perduti per sempre. Non è che un frammento della vita che ha dimenticato, ma sufficiente a generare in lui la speranza. A chi gli chiede se sia utile a volte nella vita dimenticare Argentero risponde: «Io la penso come Fanti, ogni cosa bisogna salvaguardarla nel bene e nel male fa parte del nostro vissuto». Ma «Questo frammento perduto di memoria», spiega Argentero, «rivestirà un'enorme importanza per Fanti. Un fatto destabilizzante per le donne che gli sono più vicine: Giulia (Matilde Gioli), la sua seconda in reparto, e Agnese, l'ex moglie».

«Giulia - rivela Matilde Gioli - pensava che gli anni della sua passione per Andrea fossero sepolti per sempre. Prima la tragica storia con Lorenzo e una possibile nuova relazione con Damiano l'avevano aiutata».

È però Agnese, spiega Sara Lazzaro «quella più sconvolta dalla possibilità che Andrea ricordi, perché al suo risveglio, dopo lo sparo, non è stata del tutto onesta con lui: la morte di Mattia (il figlio), il loro divorzio non solo».

«Ogni tanto - aggiunge il protagonista - mi fermo a pensare che in questa professione si dia per scontato e questa serie la fa apprezzare. Nella nuova stagione, si affaccerà nuovamente l'attualità: si rifletterà sul fatto che ci siano più prestazioni con sempre meno risorse».

Argentero con il suo iconico personaggio ha un rapporto felicissimo: «Mi sento un privilegiato per essere stato scelto per questo ruolo che è così nel cuore delle persone. In questi anni molto spesso i giornalisti mi hanno chiesto se non mi preoccupi l'idea di essere così identificato con un personaggio, se non tema che possa nuocere alla tua carriera. La mia risposta è no, anzi, ne vado fiero. L'idea che un personaggio sia così identitario è davvero un lusso. Ci sono poche cose memorabili nella carriera di un attore, l'idea di poter essere ricordato in qualche modo per una cosa così positiva, che ha generato così tanta empatia e affetto nel cuore delle persone mi riempie di orgoglio».

FIction e realtà però non si sovrappongono per l'attore: «Non ho mai sognato di fare il medico. Tanto che mi sono laureato in altro (Economia, ndr.) prima di intraprendere questa carriera».

Il successo di Doc intanto è diventato internazionale: gli americani proporranno ai loro spettatori un remake, che avrà come protagonista una donna. 

Diretta da Jan Maria Michelini, Nicola Abbatangelo e Matteo Oleotto, la serie vede  nel cast la riconferma  di Marco Rossetti, Giovanni Scifoni (medici) e di Elisa Di Eusanio (caposala), nonché Pierpaolo Spollon, reduce da Blanca, nei panni del più amato dei giovani medici che nella terza serie fa da chioccia ai nuovi interpretati da Giacomo Giorgio, Laura Cravedi, Elisa Wong.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo