logo san paolo
venerdì 05 giugno 2020
 
 

Don Marco Brunetti è il nuovo vescovo di Alba

21/01/2016  E' nato nel 1962 a Nichelino, alle porte di Torino. E' il terzo sacerdote torinese ad essere nominato vescovo in meno di due anni.

Sopra: don Marco Brunetti (primo a sinistra). In alto: don Marco Brunetti con l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia.
Sopra: don Marco Brunetti (primo a sinistra). In alto: don Marco Brunetti con l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia.

E' stata e per molti profili ancora è la terra del tessile, del dolce (con la Ferrero) e della stampa cattolica (grazie al beato don Giacomo Alberione e alle sue opere, Famiglia Cristiana, in primo luogo). La diocesi di Alba, in Piemonte, ha un nuovo vescovo. E' don Marco Brunetti, classe 1962, da vent'anni alla guida dell'Ufficio della pastorale della salute della diocesi di Torino. Dopo le nomine di monsignor Piero Del Bosco a Cuneo e di monsignor Marco Arnolfo a Vercelli, Brunetti è  il terzo vescovo scelto tra le file del clero torinese in meno di due anni. «Esprimiamo dal profondo del cuore il più vivo grazie al Santo Padre per questo ulteriore segno di stima» ha commentato monsignor Cesare Nosiglia, arcivescovo del capoluogo piemontese, nell'annunciare la nuova nomina. «Durante il suo lungo impegno nella pastorale della Salute» ha poi ricordato «don Marco ha sviluppato un lavoro di grande qualità e significato nel campo della sanità pubblica e cattolica presente in Diocesi e sul piano della formazione, del servizio dei cappellani e del volontariato». Da ricordare anche «l'assiduo e fraterno servizio svolto verso i presbiteri delle Case diocesane di accoglienza e dei presbiteri anziani: un’esperienza che sono certo gli sarà molto utile nella nuova Diocesi».

Originario di Nichelino, piccolo comune alle porte di Torino, don Brunetti (tra poco monsignore) è sacerdote dal 1987. Accanto all'impegno con i malati, ha operato come parroco in due comunità della periferia. Molti lo ricordano per l'umiltà e la capacità di ascolto. La nomina a vescovo lo ha colto di sopresa. «Non me l'aspettavo» ha commentato durante una breve conferenza stampa negli uffici della curia subalpina. «ma naturalmente mi metto a disposizione, cercando di far tesoro delle esperienze maturate finora, e sono desideroso di conoscere la nuova comunità, in quello spirito di reciproca accoglienza che papa Francesco, pastore buono, ci insegna».

Tante sono le sfide che lo attendono. Alba, cittadina nel cuore delle Langhe, nota ben oltre i confini del Piemonte soprattutto per l'eccellenza dei suoi prodotti alimentari (dal vino ai tartufi e alle nocciole) è una realtà complessa. Terra laboriosa, erede di una grande tradizione (anche sul piano spirituale) si trova oggi a fare i conti con nuovi sistemi economici e industriali, ma anche con la necessità di accogliere e integrare chi arriva da lontano.

L'ingresso ufficiale ad Alba avverrà nei prossimi mesi. Dopo le dimissioni, per motivi di salute, di monsignor Giacomo Lanzetti (nominato nel 2010 da Benedetto XVI) attualmente la diocesi era retta da monsignor Francesco Ravinale, vescovo di Asti, che operava in qualità di amministratore apostolico.  

 

 

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%