Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
 
Credere

Don Matteo Galloni. La Trinità ci aiuta a essere famiglia

20/07/2017  La comunità Amore e Libertà, fondata a Firenze da un sacerdote e una consacrata, accoglie bambini inviati dai servizi sociali, poveri, malati. Ed è presente anche in Africa dal 1997

«Dov’è la giustizia?». È la domanda che guida da sempre don Matteo Galloni, 62 anni, “turbolento” da quando ne aveva 4 e per questo mandato all’asilo dalle suore. Ha provato a rispondere con il Vangelo in mano: «Credere vuol dire impegnarsi, amare e fare famiglia». Fino a fondare la comunità “Amore e Libertà”, che oggi tra Firenze e il Congo conta 36 membri e centinaia di amici e volontari che la sostengono. Tecnicamente un’associazione privata di fedeli riconosciuta dalla diocesi fiorentina, di fatto una grande famiglia dove persone consacrate, sacerdoti, coppie sposate, bambini e ragazzi camminano insieme alla ricerca continua di Dio, attraverso l’amore per i poveri.

L’avvio risale al 1989, quando quattro tredicenni di un istituto dissero a don Matteo: «Noi siamo i perdenti della vita, siamo senza futuro e speranza, non abbiamo mai avuto una famiglia, un papà. Ma se tu ci prendi a vivere con te, ci fai da babbo, possiamo cambiare vita». Il sacerdote li prese in casa, insieme a Francesca, sua ex alunna, consacrata e cofondatrice della comunità.

LA NASCITA DI UNA VOCAZIONE

Da giovanissimo don Matteo, nato a Roma nel 1954, aveva tutto: è il primo della classe (va a scuola un anno prima), il motorino a 14 anni, il record regionale di atletica a 15, la fidanzata. Suo padre era Giovanni Galloni, noto esponente della Democrazia Cristiana, ministro e giurista.

La sua adolescenza coincide con gli anni del Concilio e delle proteste studentesche: partecipa alle marce per la pace Perugia-Assisi, ai campi di raccolta stracci per il Biafra e il Sud Sudan. Ma tutto questo non gli basta: in seconda superiore viene a sapere che al Quarticciolo c’erano trecento famiglie molto povere. Erano le baraccopoli romane narrate da Pasolini, un ambiente pericoloso: «Una volante della polizia, che aveva cercato di entrare per calmare una rissa, era stata rovesciata e bruciata». Matteo entrò in motorino: «I bambini di 10 anni non andavano a scuola e non sapevano né leggere, né scrivere; vivevano in bande ed erano avviati al furto o alla prostituzione».

Su una baracca c’era una scritta: «Vendesi». La comprò: «Era appena morto don Lorenzo Milani, di cui avevo poco prima letto Lettera a una professoressa». Insieme alla sua ragazza e alcuni amici cominciarono a insegnare: «La chiamammo “Scuola della libertà”, aperta 365 giorni l’anno. Una dopo l’altra comprammo dieci baracche e il volto di quella borgata cambiò». Lì si fece nitida la sua vocazione: «Alla domanda: “Cosa fa il Signore per i poveri?”, trovai la risposta: “Ha chiamato me”».

A 17 anni arriva l’ultimo anno del liceo classico. Matteo andava ogni pomeriggio in borgata e i genitori temevano la bocciatura. «E se alla maturità prendessi il massimo dei voti?», chiese quasi scherzando. «Nel caso, seguirò il Signore lasciando tutto». Tra gli orali e gli scritti raggiunse i suoi ragazzi in vacanza al mare (aveva venduto il motorino e acquistato un furgone), ma poi finì che prese 60/60, unico di tutta la scuola. Alla pubblicazione dei quadri, la madre andò in segreteria a chiedere se si fosse trattato di un errore. A quel punto Matteo annunciò ai genitori che andava a vivere con i poveri in borgata; partì di casa con una busta di plastica e un cambio di vestiti, con Francesco d’Assisi come modello, anche lui cresciuto in una famiglia ricca.

Poi prese due lauree, lavorò un anno in cantiere come manovale e due anni come operaio nelle ceramiche a Sassuolo. Nel 1986 divenne sacerdote; da due anni insegnava religione e aveva conosciuto alcuni degli alunni che poi entrarono in “Amore e Libertà”: Leonardo De Angelis, oggi parroco a Settimello (Firenze), e Francesca Termanini. «Con lei, che era atea e figlia del sindaco comunista di Sassuolo, nel 1989 accogliemmo i primi ragazzi conosciuti alla Madonnina del Grappa di don Carlo Zaccaro».

Ancora oggi Francesca, che nel frattempo si è consacrata, guida la casa madre della comunità a Firenze dove sono accolti bambini poveri, malati, inviati dai servizi sociali o privi del sostegno della famiglia, e dove ha sede un centro socio-educativo per il quartiere. Sempre nel capoluogo toscano “Amore e Libertà” sta aprendo una casa per giovani maggiorenni nel periodo di pre-autonomia.

LA MISSIONE IN CONGO

  

Don Matteo ora si divide fra Firenze e Kinshasa, capitale della Repubblica Democratica del Congo, dove ad “Amore e Libertà” è stata affidata una parrocchia di 90 mila abitanti. L’avventura africana è iniziata nel 1997: l’anno prima, visitando la capitale del Congo, don Matteo e madre Francesca avevano visto una bambina con i piedi sanguinanti e i loro accompagnatori avevano spiegato: «Sono i bambini di strada: dormono sull’immondizia, se hanno il sonno pesante i topi gli rosicchiano i piedi».  

Iniziarono a costruire una casa per loro. Sulle rive dell’Arno come in Africa i riferimenti di “Amore e Libertà” non cambiano: «La Trinità ha essenza divina, ma si manifesta nella famiglia di Nazaret», dice don Matteo. «Così noi vogliamo vivere come una famiglia all’interno della Chiesa, come figli di Dio e fratelli in Cristo. A volte, invece, in parrocchia mancano amicizia e fraternità». Nel Vangelo Gesù dice: “Mia madre e i miei fratelli sono quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica”. Questo», continua il sacerdote, «è il fondamento spirituale della nostra famiglia, che include anche chi non vive nella comunità ma la sostiene con amicizia, volontariato e aiuto. L’altro riferimento sono gli Atti degli apostoli: appena Gesù inizia la vita adulta, raduna i discepoli, le pie donne e i bambini. Dio, insomma, crea comunità». 

INFORMAZIONI

Sul sito www.amlib.org  o al telefono 055.20.24.52 è possibile avere informazioni sulla comunità, su come diventare volontari, come sostenere  “Amore e Libertà”, come adottare a distanza un bambino.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo