logo san paolo
mercoledì 13 novembre 2019
 
 

Gmg 2013: a Rio 7.000 italiani

04/12/2012  Gli italiani verso l'appuntamento di luglio. Cos'è stato organizzato per chi va e per chi resta. Intervista con don Michele Falabretti, del Srevizio nazionale di pastorale giovanile.

Giovani brasiliani alla Gmg di Madrid 2011. Foto di Severino Marcato.
Giovani brasiliani alla Gmg di Madrid 2011. Foto di Severino Marcato.

Potrebbero essere circa sette mila i giovani italiani che parteciperanno alla Giornata mondiale della gioventù di Rio de Janeiro dal 23 al 28 luglio 2013. La stima è di don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg) della Cei, che nei giorni scorsi ha partecipato, nella città carioca, all’incontro mondiale in preparazione alla Gmg 2013, promosso dal Comitato organizzatore locale e dal Pontificio Consiglio per i laici.

Rio de Janeiro ospiterà la XXVIII Giornata mondiale della gioventù (Corbis).
Rio de Janeiro ospiterà la XXVIII Giornata mondiale della gioventù (Corbis).

- Don Falabretti, sette mila giovani italiani a Rio, senza contare quelli che andranno con movimenti e associazioni laicali: la stima è questa. Potrebbero essere di più ora che la Cei ha deciso di contribuire in modo significativo pagando l’iscrizione alla Gmg?

«Sette mila è un numero orientativo che, in realtà, potrebbe anche lievitare ora che la Cei ha deciso di contribuire alle spese di partecipazione alla Gmg assumendosi il costo della quota d’iscrizione dei giovani, ai quali resterebbe da pagare solo il volo. La Cei pagherà uno dei quattro pacchetti d’iscrizione previsti dall’organizzazione brasiliana, fino a un massimo di 265 euro, che è il costo previsto per il pacchetto completo. In realtà i giovani pagheranno solo 25 euro, 15 per il kit e 10 per il fondo di solidarietà. Oltre al viaggio in aereo e altre spese personali».

Giovani brasiliani alla Gmg di Madrid 2011. Foto di  Severino Marcato.
Giovani brasiliani alla Gmg di Madrid 2011. Foto di Severino Marcato.

- Quanti saranno i vescovi italiani che accompagneranno i giovani?

«Abbiamo inviato delle lettere due settimane fa per sondare il loro interesse. Fare numeri adesso è impossibile ma siamo fiduciosi perché diversi vescovi hanno fatto conoscere la loro volontà di partecipare».

- Le diocesi italiane saranno tutte rappresentate?

«Probabilmente sì. Il 60 per cento delle diocesi si muove per regione, le restanti si organizzano da sole, ma dovremmo avere una rappresentanza importante».

- La presenza italiana alle Gmg si è sempre contraddistinta per l’organizzazione interna e per tutta una serie d’iniziative, come, per esempio, Casa Italia. Anche a Rio de Janeiro avremo Casa Italia?


«A Rio avremo Casa Italia, che sarà il quartier generale, la base logistica, dei nostri giovani pellegrini. Una struttura a loro servizio, per ogni evenienza e richiesta, non vogliamo che sia un ufficio ma una vera casa nella quale si respiri familiarità e amicizia con dei volontari pronti a supportare i nostri gruppi in arrivo».

- Altra particolarità tutta “azzurra” è la Festa degli Italiani: nel 2013 a Rio cosa sarà possibile vedere?


«Rio de Janeiro ha una forte presenza di nostri connazionali immigrati, credo che nel luogo della festa troveremo veramente tanta gente. Stiamo cercando a Rio un posto sufficientemente grande per accogliere tutti. Pensiamo a un piccolo stadio da circa 15 mila persone, uno dei nomi è quello del Maracanaziño, non molto distante dal ben più noto Maracanà. La festa dovrebbe essere trasmessa su un canale Rai grazie anche al fuso orario che dovrebbe rendere abbastanza fruibile la visione. Il format della Festa è quello tradizionale, preghiera, testimonianza, musica, rappresentazioni, tradizione e folklore anche alla luce della presenza dei nostri immigrati in Brasile e dei missionari italiani che prestano il loro servizio nel Paese sudamericano».

Un gruppo di giovani durante la passata edizione della Gmg di Madrid (Corbis).
Un gruppo di giovani durante la passata edizione della Gmg di Madrid (Corbis).

- C’è poi il kit degli italiani, sempre molto atteso, molti dei gadget azzurri sono diventati nelle Gmg passate veri oggetti di cult e di scambio…

«Nel kit ci sarà, tra le altre cose, l’immancabile cappello a falde larghe, una lampada, un kway azzurro, un telo e un paio di occhiali da sole, la novità della Gmg 2013».

- La presenza di nostri connazionali in Brasile, come pure quella dei missionari, sarà utilizzata anche per quel che riguarda la Settimana missionaria, che si svolgerà nelle diocesi brasiliane nei giorni antecedenti al programma della Gmg?


«I nostri missionari si stanno rivelando il ponte, il tramite tra le nostre diocesi e quelle brasiliane, ma sono in corso anche contatti con il console italiano a Rio. All’inizio i gemellaggi tra diocesi italiane e brasiliane sono stati pensati per tutto il territorio ma considerate le distanze enormi e, soprattutto, i costi degli spostamenti stiamo vedendo che ormai i gemellaggi sono tutti con Chiese circostanti Rio de Janeiro. La questione economica sta avendo un peso notevole sulle scelte da fare. La decisione della Cei di pagare i pacchetti d’iscrizione vuole essere un segno di attenzione verso i giovani che intendono partecipare e le loro famiglie”.

- All’incontro di Rio il cardinale Stanisław Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i laici, ha esortato a non dimenticare coloro che, sono la maggioranza, resteranno a casa. Cosa state pensando di fare per metterli in condizione di vivere, almeno spiritualmente, la Gmg di Rio?

«Nelle prossime settimane incontreremo le Consulte regionali di pastorale giovanile per approntare un programma locale che abbia un legame con quanto accadrà a Rio. Cercheremo di sfruttare anche la possibile trasmissione televisiva ma sappiamo che le Regioni stanno organizzando delle veglie, il 27 luglio, in concomitanza con quella della Gmg. I mezzi di comunicazione sociale, le nuove tecnologie saranno strumenti utili a favorire contatti in quei giorni. Da parte nostra stiamo preparando un’applicazione per Iphone e Ipad per fornire materiali utili all’accompagnamento e alla preparazione spirituale dei giovani».

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%