Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Don Sandro Spriano: «Nega la rieducazione»

05/08/2013  Il cappellano di Rebibbia è favorevole ad una revisione del 41 bis: «Inumano», spiega, «pensare che le persone, una volta commesso un reato, non siano più recuperabili e che devono soltanto scontare la pena»

«Non sono tanto le condizioni detentive a essere un problema. Questo dipende dai singoli istituti e in alcuni sono condizioni eccellenti. Il vero problema è che questi detenuti non hanno diritto al cosiddetto "trattamento", cioè a quel percorso rieducativo e di reinserimento previsto dalla nostra Costituzione. Questo è inumano: pensare che le persone, una volta commesso un reato, non siano più recuperabili, che siano quasi il male assoluto, che devono soltanto scontare la pena».

Don Sandro Spriano, cappellano di Rebibbia ripete da tempo che «la situazione del 41 bis va affrontata perché non si può consentire che la pena sia considerata da speiare solo in senso punitivo e vendicativo». Già da anni don Sandro, anche insieme con l’associazione “Nessuno tocchi Caino” si batte, come recita una mozione di Ntc per «modificare radicalmente l'articolo 41-bis dell’ordinamento penitenziario a cui sono sottoposti i detenuti nel cosiddetto “carcere duro” che sono esclusi per legge dalle misure alternative e, in particolare, dalla liberazione condizionale dopo almeno 26 anni di carcere per i condannati all’ergastolo, pena evidentemente contraria ai principi costituzionali di rieducazione e risocializzazione dei detenuti e di cui pertanto è urgente l’abolizione. La persona anche davanti alle scelte più tragiche dovrebbe essere sempre messa nella condizione di espiare e recuperare».  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo