Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
 

Donizetti non fa il miracolo

20/09/2010  Fischi a Bergamo per "Poliuto", a causa di un allestimento nel complesso mediocre. Peccato, perché le recenti persecuzioni ai cristiani hanno dato nuova attualità all'opera...

Poliuto, cinquantottesima opera di Donizetti, è un titolo che solo marginalmente fa parte della cosiddetta “rinascita” donizettiano. Infatti non è mai scomparso del tutto dalla pratica teatrale del Novecento. In secondo luogo il suo ritorno sulle scene avviene in coincidenza con una rinnovata persecuzione dei cristiani, non già come ai tempi di Poliuto, magistrato romano sotto l’impero di Valeriano, ma nei paesi dove oggi prospera il fondamentalismo islamico.

D’altra parte non poche furono le traversie cui andò incontro Poliuto a causa della censura napoletana, che nel 1838 ne ostacolò la rappresentazione (avvenuta soltanto nel 1848, ad autore defunto!). Donizetti si persuase quindi a preparare una versione più ampia per l’Opéra di Parigi, dove infatti lo spartito andò in scena nel 1840.

Al Bergamo nusica festival Poliuto, vittima di un allestimento insensato, ha avuto l’esito che ci si poteva attendere da un cast complessivamente mediocre. Il solo Gregory Kunde, protagonista nobilmente affaticato, ha tentato, con il maestro Marcello Rota – fieramente contestato assieme al soprano Marrocu e al regista Marco Spada – di tenere in piedi la baracca. Purtroppo, spiace dirlo, un’opera bella come Poliuto meritava trattamento migliore.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo