logo san paolo
martedì 22 giugno 2021
 
 

Afghanistan, il martirio delle donne

01/05/2012  Undici anni dopo la cacciata dei talebani, per le donne afghane poco è cambiato. Violenze, soprusi, matrimoni forzati. E pochi aiuti per chi vuole cambiare.

Malalai Joya nella sua casa-nascondiglio di Kabul (foto R. Gobbo; foto di copertina: Reuters).
Malalai Joya nella sua casa-nascondiglio di Kabul (foto R. Gobbo; foto di copertina: Reuters).

Una quindicenne è stata torturata dal marito perché si è rifiutata di andare con altri uomini, come lui pretendeva. Un'altra ragazza è stata violentata da un signore della guerra. È rimasta incinta. Le hanno detto che, se accettava di sposare l'uomo che l'aveva violentata, sarebbe potuta restare in prigione solo tre anni. Una prostituta è stata impiccata. Sono queste le storie che fanno infuriare Malalai Joya, ex parlamentare, eletta nella provincia di Farah, la più povera, nell'Afghanistan occidentale.


«L'intervento internazionale contro i talebani, nel 2001", racconta, "era stato giustificato anche con la necessità di tutelare i diritti delle donne. Sono passati quasi 11 anni e non è cambiato nulla, anzi, la situazione sta peggiorando e gli americani trattano con gli stessi che prima hanno cacciato. Gli Ulema (maestri nelle scienze religiose, n.d.r) hanno redatto, ai primi di marzo, un codice di comportamento, che sancisce che le donne non possono viaggiare senza essere accompagnate da un uomo e non possono parlare con sconosciuti in luoghi pubblici. Picchiare la moglie è vietato solo “nel caso che questo gesto non sia compiuto in conformità con la sharia”. La lapidazione in pubblico è ancora in uso. Così come si può picchiare tranquillamente una donna con un frustino o ferirla con un coltello, anche se è incinta. L'islam è uno strumento utile, a uso di questi misogeni. La cosa più grave è che il presidente Karzai ha approvato questo codice. Questa guerra, invece di portare un miglioramento, ci sta riportando al Medioevo». 

Abbiamo incontrato Malalai in una casa anonima e ben protetta da un gruppo di guardie armate, nella periferia di Kabul, dopo due cambi di auto per motivi di sicurezza. Misure necessarie perché questa giovane donna, dalla mente arguta e dall'innato coraggio, tanto che alcuni la paragonano alla leader dissidente birmana, Aung San Suu Kyi, è parecchio scomoda. Fa vibrare ancora le coscienze dei suoi seguaci, la sua frase: “Se non vi giudicherà un tribunale, vi giudicherà la storia”. 


Una donna con il burqa mendica per le strade di Kabul (foto Reuters).
Una donna con il burqa mendica per le strade di Kabul (foto Reuters).

All'epoca era delegata alla Loja Jirga (assemblea del popolo), che doveva redigere la Carta costituzionale, prese la parola e denunciò la presenza in quella stessa assemblea e nei posti di potere, di criminali di guerra. Era il 2003 e lei aveva 26 anni. Da allora, non ha più una casa, vive nascosta, si muove da un posto all'altro, sempre per periodi brevi, e il tanto odiato burqa, simbolo della sottomissione della donna, è diventato per lei un prezioso alleato. In lotta contro i fondamentalisti e i signori della guerra, è già scampata a sei attentati: nell'ultimo, recente, attacco ai suoi uffici di Farah, sono rimaste ferite due sue guardie del corpo. 

- L'ennesimo attentato, ma non ha paura? 

«Quando sono andata all'ospedale a trovare le mie due guardie del corpo, mi hanno detto che sono pronte a morire per me, da questo ho ricevuto ancora più energia, più forza. Sono state loro a infondermi speranza e coraggio, dicendomi che non devo darmi per vinta, che bisogna andare avanti. Devo nascondermi, certo. A volte, facciamo girare la notizia che sono all'estero, in realtà sono qui. Ma la gente vuole che io rimanga in vita».

- Qualcuno solidarizza? 

«Molti sono dalla mia parte, ma hanno troppa paura per fare dimostrazioni, perché la repressione è terribile. Ma non sono sola. Tanti attivisti e democratici sono impegnati come me, solo che il giornalismo occidentale non ne parla. Altre volte, nel passato, sono stati sconfitti i dittatori, però nel mio Paese bisogna fare i conti con una situazione catastrofica: povertà, ignoranza e mancanza di cibo. Io cerco di spiegare e la gente, piano, piano, diventa sempre più consapevole. In fondo, sono speranzosa perché, se è stato approvato questo codice di comportamento, significa che la resistenza delle donne fa paura». 

- Le truppe straniere se ne andranno? 

«Parlano del 2013 o 2014, ma non sono onesti. Stanno spendendo ancora di più nel settore militare: è ovvio che resteranno. Dicono che se ne andranno, ma è tutta propaganda. Intanto, il numero delle vittime civili aumenta. Quando uno esce a Kabul, non sa se tornerà a casa. Gli stranieri rafforzano questo Governo “pupazzo”. Signori della guerra, americani e talebani si comportano come moglie e marito, che, dopo un po', stanchi l'uno dell'altro, litigano. Ma sono sempre stati insieme e sempre lo saranno, perciò poi fanno la pace. La democrazia non si è mai imposta con la violenza. Va trasmessa con l'educazione. Non tocca agli stranieri, è un dovere degli afghani».

Una delle donne che cercano giustizia presso il Saajs (foto R. Gobbo).
Una delle donne che cercano giustizia presso il Saajs (foto R. Gobbo).

«Un'esplosione. Mio marito è morto. Dei miei quattro figli, due hanno problemi psicologici, hanno perso la memoria, e uno ha anche difficoltà a parlare. Io ho problemi di cuore e la nostra casa ha il tetto pericolante», dice Fatima.


«Quando è scoppiato il conflitto, siamo scappati da casa, immediatamente, senza neanche poter prendere le scarpe. Quando sono potuta ritornare, tutto era stato bruciato. Chiedere aiuto al Governo è inutile. Tutti sanno che alla gente povera non danno la licenza per commerciare. Ci vogliono le mazzette e io non ho soldi. Io, poi, non ho neppure potuto provare a chiedere, perché non so né leggere, né scrivere. Quelli della famiglia che lo sapevano fare, sono stati uccisi», afferma Fauzia.

«Nella casa vicino a noi, un bambino stava nel suo lettino quando è entrata una persona con un fucile. Il piccolo pensava che stesse giocando con l'arma, gli sorrideva, invece il signore della guerra gli ha sparato. Mio marito è stato ucciso da un razzo, sono rimasti solo pezzi di carne appesi al muro. Nel massacro perpetrato dai talebani, della mia famiglia allargata, sono state ammazzate settanta persone», racconta Marzia. 

«Non riesco a dormire, soffro di depressione e devo prendere sempre farmaci. Sto seduta e piango per tutte le persone morte che ho visto. Gli uomini sono stati ammazzati e noi donne siamo dovute fuggire, non abbiamo neppure potuto seppellire i nostri mariti, che sono stati gettati in una fossa comune. Quando più tardi, ci è stato chiesto di riconoscerne i corpi, erano decomposti o mangiati», aggiunge un'altra.

Sono le voci dei familiari delle vittime: del regime filosovietico (1978-1992), delle guerre civili (1992-1996), dell'epoca del terrore dei talebani (1996-2001) e fino a oggi (solo negli ultimi dieci anni, le stime ufficiali parlano di 67 mila morti, di cui 15 mila civili afghani).

Sono soprattutto donne quelle che incontriamo in un quartiere povero di Kabul; vedove, figlie rimaste senza padre, sorelle che hanno perso i fratelli, ma ci sono anche uomini, che magari hanno fatto la resistenza, ma nessuno glielo riconosce. Sono donne che la vita ha messo a dura prova, hanno magari 35, 40 anni, ma i visi rugosi dei nostri vecchi, la sofferenza stampata in volto; la loro età non la sanno neppure loro, qualcuna azzarda un circa, qualche altra non risponde.


Weeda Ahamd, direttrice del Saajs (foto R. Gobbo).
Weeda Ahamd, direttrice del Saajs (foto R. Gobbo).

A prendere a cuore le loro storie, è stata Saajs (Social Association of Afghan Justice Seekers – Associazione afghana per la giustizia), sorta nel 2007, con l'obiettivo che vengano perseguiti tutti coloro che, negli ultimi trent'anni, hanno violato i diritti umani e commesso crimini. «Da quando il governo Karzai e i suoi sostenitori stranieri si sono insediati, tasso di insicurezza (ogni giorno centinaia di afghani innocenti perdono la vita in attentati suicidi), povertà (i 40 miliardi di dollari di aiuti internazionali si sono persi nei corridoi del potere), disoccupazione, ingiustizia, corruzione (la coltivazione estensiva e la produzione di oppio sta trasformando la società in un narcostato), uccisione di civili, violazione dei diritti umani, sono aumentati», dice Weeda Ahamd, direttrice di Saajs: «Il Governo non fa altro che ratificare leggi crudeli e ingiuste. L'amnistia per quanti rinunciano alla lotta armata e rompono i legami con Al Qaeda, votata nel 2007 dal Parlamento, è un invito aperto a continuare a commettere crimini e impedisce la vera riconciliazione».

Chi si avvicina all’associazione cerca aiuto per ricostruire le case che hanno perso, per trovare un lavoro per mantenere quel che è rimasto delle loro famiglie. Ma chiede anche che si faccia luce sulle fosse comuni, che i criminali siano assicurati alla giustizia e giudicati da un tribunale internazionale imparziale. Saajs sta facendo un grosso lavoro di ascolto di chi ha perso i familiari. Mariti, mogli, figli, fratelli, sorelle e parenti: vogliono che le loro storie siano conosciute. «Non vogliamo vendetta, non vogliamo lavare il sangue con il sangue, vogliamo giustizia e vogliamo la pace, ma non potrà esserci pace, finché non avremo nulla da mangiare», conclude Fauzia. 

Una delle donne ospitate nello shelter (foto R. Gobbo).
Una delle donne ospitate nello shelter (foto R. Gobbo).

«Mi sono sposata a vent'anni. Mio marito era un drogato, mi picchiava perché quando “si faceva”, non capiva più nulla», racconta Leila. «Mi hanno fatto sposare a 10 anni, adesso ne ho 28. Lo scorso anno mio marito si è preso una seconda moglie. Io non posso avere figli e lui voleva che andassi con altri uomini, ho rifiutato, così mi picchiava», dice Zineb, mentre mostra le cicatrici sulle braccia.  «Avevo 11 anni quando mio padre e la mia matrigna mi hanno costretta a sposare un uomo molto più vecchio di me e disabile. Non ero ancora "signorina”, ma pretendeva rapporti»: il nome preferisce non dirlo. 


Di storie simili qui ce ne sono tante. Siamo in uno dei tre shelter (case rifugio per donne maltrattate) di Kabul, gestiti dall'associazione Hawka (Humanitarian Assistance for the Women and Children of Afghanistan). Un appartamento anonimo, per la sicurezza, con 30 posti letto, che accoglie donne bisognose di protezione, spesso con i loro bambini, scappate da mariti violenti, abusanti o drogati.

Le ragazze raccontano la loro storia allucinante a voce bassa, quasi sussurrando, mentre le mani nervose, giocherellano con il velo. Quanto dolore in giovani vite! Ascoltiamo incredule, il groppo alla gola, quasi ci vergogniamo di violare così la loro intimità. Rispondono alle domande lentamente, tra pause e sospiri, fino a che non riescono più a trattenere le lacrime. Solo una ragazza accetta di farsi fotografare, ma con il viso coperto.


Selay Ghaffar, direttrice di Hawka (foto R. Gobbo).
Selay Ghaffar, direttrice di Hawka (foto R. Gobbo).

Sono tre a Kabul gli shelter, 14 in tutto l'Afghanistan, ma sempre insufficienti rispetto al dilagare della violenza fisica, psicologica e sessuale: quella perpetrata tra le mura domestiche, colpisce l'87% delle donne. «Abbiamo fondi solo per tre anni»,  è l'appello della direttrice di Hawka, Selay Ghaffar: «La perdurante instabilità del Paese ostacola l'afflusso. Alle donne offriamo rifugio e protezione, assistenza medica e psicologica. Insegniamo loro a leggere e scrivere, ma anche a essere consapevoli della loro condizione di esseri umani. Non devono pensare che quello che subiscono è diritto del padre, del marito, del fratello... e che in quanto donne devono obbedire. Poiché offriamo anche assistenza legale per quante vogliono divorziare, ci accusano di essere noi a forzarle in questo senso, ma non è così. Si segue la strada del divorzio quando non c'è altra scelta. Abbiamo anche corsi professionali: bisogna renderle indipendenti economicamente, perché è quando escono dal rifugio che comincia la parte più difficile».

La situazione delle donne in Afghanistan è terribile e in continuo peggioramento, secondo l'ultimo rapporto di Human Rights Watch (Hrw), diffuso a fine marzo. Circa il 60% dei matrimoni sono programmati e più del 50% delle spose ha meno di 16 anni. La donna è un bene di famiglia, da vendere al miglior offerente, per motivi economici, per pagare un debito, o per riparare un'offesa. Scappare da casa a molte sembra una soluzione, ma per la Corte suprema di giustizia è reato, indipendentemente dal fatto che i motivi siano maltrattamenti e abusi. Lo stupro è una pratica diffusa e non viene considerato reato, perciò resta impunito, così come il delitto d'onore, da parte di padre e fratelli.

A causa dell'arretratezza mentale e dello stigma sociale, la maggioranza di questi casi non viene nemmeno alla luce. Per la vittima cercare giustizia significa esporsi all'accusa di adulterio, che prevede il carcere. In quello di Herat, ristrutturato con finanziamenti italiani, ci sono 120 donne, dai 18 ai 70 anni. Sembra più una casa di accoglienza, probabilmente più confortevole e sicura di quella dalla quale sono scappate, ma l'ingiustizia palese è che, per “delitti morali”, scontano pene da un mese a vent'anni. C'è poi l'altra “soluzione”, quella estrema: più di 2.000 donne ogni anno si danno fuoco. L'ospedale Istiqlal di Kabul ha un apposito reparto ustioni, il 90% dei ricoveri sono femminili.

«Esistono alcuni strumenti che garantiscono l'uguaglianza di uomini e donne (la Costituzione, per esempio) di fronte alla legge», conclude Selay, «tuttavia i giudici sono parte del sistema di potere fondamentalista dei signori della guerra che governano il Paese, sistema che non differisce dal precedente, dei talebani. Nel caso di relazioni illecite, la donna rischia anche la condanna a morte dei tribunali islamici, una sorta di "giustizia” parallela».   

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%