Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 23 giugno 2024
 
8 marzo
 

Fondazione Ismu: in Italia l'immigrazione è donna

08/03/2017  Al 1° gennaio 2016 le straniere sono 2,1 milioni, contro poco più di 1,8 milioni di uomini. I Paesi di provenienza con maggiore incidenza femminile: Romania, Albania, Marocco, Ucraina, Cina, Moldova, Filippine, Polonia.

(Foto Ansa)

 

Il volto dell'immigrazione in Italia è femminile: al 1° gennaio 2016 le straniere presenti nel nostro Paese sono 2,1 milioni, contro poco più di 1,8 milioni di uomini. La superiorià numerica delle donne si registra in particolare tra i maggiorenni: le immigrate rappresentano il 54% degli adulti stranieri. Tra i minorenni, invece, prevale la presenza maschile (52%).

 

A rilevarlo sono i dati della Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla multietnicità) di Milano, che sottolineano come il flusso migratorio sia fortemente cambiato nell'ultimo decennio: dal 1984 al 2007 l'immigrazione è stata prevalentemente maschile, legata ai grandi esodi verso l'Italia dal Marocco e dall'Albania. A partire dal 2007 la situazione ha cominciato a evolversi: nelll'ultimo decennio, con l'ingresso della Romania nell'Unione europea, sono aumentati gli arrivi per ricongiungimento familiare (per lo più femminile) e i flussi dall'Est Europa - nell'ambito del mercato delle badanti e delle assistenti domiciliari - hanno favorito le donne.   

 

Le presenze femminili più consistenti riguardano donne provenienti da Romania, Albania, Marocco, Ucraina, Cina, Moldova, Filippine, Polonia, Perù, India, Ecuador, Sri Lanka, Nigeria e Bulgaria. L'incidenza più bassa delle donne si registra all'interno delle comunitàdi migranti maliani, afghani e senegalesi. 

 

Per quanto riguarda la Lombardia, secondo i dati dell'Osservatorio regionale per l'integrazione e la multietnicità (Rapporto Orim 2016, L'immigrazione straniera in Lombardia), al 1° luglio 2016 le donne presenti sono 460mila (più di un quinto della popolazione totale). la maggior di loro ha un lavoro, il 30% delle lavoratrici straniere ha un'assunzione a tempo pieno. I mestieri più diffusi? Assistente domiciliare (soprattutto ucraine, polacche e moldove), domestica a ore, adetta alla ristorazione (molte cinesi). Il reddito media varia da meno di 700 euro al mese per le donne egiziane fino a quasi 1.200 euro per le rumene. Moltissime sono madri, ma in molti casi vivono lontane dai loro figli, che hanno dovuto lasciare nei loro Paesi di origine: fra le bulgare e le ucraine solo una su tre ha portato i figli in Italia, fra le polacche meno di due su tre.    

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo