Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
dossier
 

"Dopo di noi", c'è il sì della Camera

05/02/2016  La legge prevede misure di assistenza per i disabili che rimangono soli. In Italia sono 630 mila. Una misura di civiltà per cui si è battuta con tenacia la deputata Ileana Argentin

(In alto: la deputata Ileana Argentin)
 
La legge sul “dopo di noi”, che prevede misure in materia di assistenza in favore delle persone disabili privi del sostegno familiare, è stata approvata dalla Camera dei deputati. Il testo è stato approvato con 374 sì, 75 no e 11 astenuti. Ora passerà al Senato e dovrebbe essere approvato in modo definitivo nel giro di poche settimane. Per il ministro della Sanità Beatrice Lorenzin si tratta di “una legge rivoluzionaria per il nostro Paese: un provvedimento concreto e con fondi certi”. A favore della  legge il Governo ha già previsto un fondo di 90 milioni di euro per il 2016 nella legge di stabilità. Il testo approvato, che unifica varie proposte,  mira a ridurre il ricorso a cliniche e a strutture ospedaliere finanziando, invece, strumenti di supporto per garantire la permanenza dei disabili in strutture residenziali che riproducano le condizioni abitative familiari.

Si prevedono  anche la detraibilità delle polizze assicurative e delle agevolazioni tributarie per costituire un Trust, cioè un fondo, a favore dei disabili gravi. Questo è stato uno dei punti più contestati dai deputati del Movimento 5 Stelle, che hanno votato contro il provvedimento paventando favori nei confronti delle assicurazioni e dei privati. “I protagonisti di questa legge sono le famiglie che portano avanti ogni giorno la gioia e il dolore di avere figli con disabilità, con la paura di morire e abbandonarli”, dice Ileana Argentin, la deputata del Pd, colpita da una grave disabilità, che tanto si è battuta in favore della legge. In Italia sono circa 630.000 le persone con gravi disabilità che vivono da sole. Tra i 40 e i 60 mila hanno meno di 64 anni, mentre la maggior parte ha dai 65 anni in su. Secondo l'Istat i soggetti disabili che perderanno i genitori nei prossimi 5 anni sono almeno 12 mila.  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo