Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
le reazioni
 

Decreto riaperture: a Foppolo si mangia sotto la neve

21/04/2021  Il titolare del K2 Residence Hotel & Restaurant di Foppolo, a 1700metri sulle Alpi Orobie in provincia di Bergamo ha condiviso su Facebook il video di una "finta" cena, scherzosa sotto la neve per dimostrare come la scelta di riaprire i ristoranti rigorosamente all'aperto non sia ideale per tutti

Sorride Gianmaria Veronese, titolare del K2 Residence Hotel & Restaurant di Foppolo in provincia di Bergamo, quando lo raggiungiamo al telefono. Oggi in Alta Val Brembana nevica e pranzare, ma soprattutto cenare all'aperto, non è proprio consigliato. «Noi in realtà non abbiamo mai chiuso» dice «andiamo avanti così tra cibo da asporto e camere dell'hotel che affittiamo. Certo, in una situazione che non è minimamente paragonabile a come lavoravamo prima, ma sempre aperti». 

C'è da dire che loro hanno una spinta in più: «La nonna vive nella struttura che gestiamo e la nostra è una conduzione tutta familiare dell'hotel. Siamo motivarti a tenere aperto anche per il personale che a sua volta ha famiglia e non possiamo non sentirne la responsabilità». Ecco perché le ormai prossime riaprture dovrebbero essere viste con favore e, invece, Gianmaria sorride: «È vero che noi siamo un caso limite a 1700 metri sulle Alpi e quindi qui prima di poter mangiare all'aperto soprattutto di sera devi aspettare agosto, perché se becchi la giornata sbagliata ti geli, ma ho letto che solo il 50 percento delle strutture in Italia ha posti all'esterno. Quindi è un problema, per altri motivi, molto diffuso. Ora io dico benissimo riaprire, ma con regole rigorose e altrettanto sensate che permettano davvero a tutti di lavorare». 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo