Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
Divorzio
 

«Dopo la separazione le cose precipitano»

31/01/2024  «Credevamo di essere d’accordo quando ci siamo separati. Ma ora le cose precipitano» Leggi la risposta di Mariateresa Zattoni

Credevamo di essere d’accordo quando ci siamo separati. Ma ora le cose precipitano: abbiamo due figli di dieci e otto anni e quando tocca al padre prendersene cura, li molla ai suoi genitori che non fanno altro che parlare male di me...

Quando i figli ritornano poi mi occorrono ore, se non giorni, per riconquistarmeli. Ma che cosa devo fare?

LILIANA

 

Risposta di Mariateresa Zattoni

– Cara Liliana, la separazione è un lutto, la rottura di un sogno (come abbiamo detto nella puntata precedente) che ricade anche sui fi gli. Pesantemente. Magari abbiamo loro detto: papà e mamma si separano, ma continuano a volervi bene...

E invece su questo (cosiddetto) amore calano le rivendicazioni, le paure, le rivalse di ciò che si credeva di aver risolto con la separazione: i figli a poco a poco possono essere chiamati a divenire alleati di un genitore contro l’altro, complici spesso le famiglie d’origine. Ma perché un genitore se li allea? Principalmente perché ha ancora conti aperti con l’ex. Conosciamo dolorosi “interrogatori” di un ex coniuge al rientro dei figli (“Avete solo giocato senza aver fatto i compiti? Non vale!”, “Vi ha mollato dai nonni?”, “C’era ancora la zoccola insieme a papà?”, “La mamma è uscita ancora con un altro?”, “Cosa vi ha detto di me?” ecc. ecc.). Diciamolo chiaro: simili “indagini” sono un vero delitto, un vero furto, perché, prima o poi, ai fi gli si rubano il padre o la madre a cui hanno diritto.

Che fare, ti chiedi, cara Liliana? Non ce la fate da soli: avete bisogno di un “terzo” di cui ambedue vi fi date perché vi aiuti a continuare a essere genitori degni di stima, anche da ex coniugi. Affidatevi a un consultorio, a un mediatore familiare che possa aiutarvi a proteggere i vostri fi gli, a gestire il confl itto in maniera costruttiva, fuori dalle aule del tribunale. Ricorda che si può essere ex coniugi, ma mai ex genitori! Con fiducia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo