logo san paolo
sabato 29 gennaio 2022
 
A Bologna, nell'asilo degli Ultras
 

Papà e mamma allo stadio... e il bambino sta all'asilo degli Ultras

09/11/2015  Ha aperto alla curva dello Stadio Dall’Ara "A Scheggia", una struttura che durante le partite, la domenica, ospiterà i bambini dai 3 ai 10 anni mentre i genitori Ultras assistono all'incontro. Ma l'intenzione è tenerlo aperto anche durante la settimana per le famiglie del quartiere. A prendersi cura dei bambini un gruppo di educatrici, tutte volontarie. Tra di loro una mamma, una maestra, un’assistente d’asilo.

«Noi non vogliamo allevare dei piccoli ultras, vogliamo solamente trasmettere i nostri valori, per far capire che non siamo il male del mondo». Giò Palermo, 45 anni, da una vita tifoso del Bologna, è il responsabile della sede A Skeggia dei Forever Ultras, dove da pochi giorni è stato inaugurato il primo asilo in Italia destinato ai figli degli ultras. Uno spazio per bambini dai 3 ai 10 anni, dove i più piccoli «possono imparare i nostri valori, che sono quelli della sincerità, del rispetto e dell’amore per lo sport».

La sede è proprio di fronte alla curva dello Stadio Dall’ Ara, un’ex bocciofila prima occupata e poi regolarmente gestita in seguito a un accordo col Comune.
Nell’immaginario collettivo la cultura ultras è purtroppo associata a fumogeni, fionde e violenza, tutte cose che poco o niente di per sé hanno a che fare con uno spazio educativo per i bambini. Ma i Forever bolognesi, che in verità nella loro storia si sono dimostrati tra le tifoserie più pacifiche, respingono questa immagine e rilanciano.

«Per le prime settimane terremo aperto lo spazio bambini solo la domenica», continua Giò, “ma poi abbiamo intenzione di aprirlo tutti i pomeriggi per le famiglie del quartiere, tifose o no. Vicino alla nostra sede c’è un supermercato, pensiamo che dare la possibilità alle mamme di lasciare i bambini in un posto sicuro, mentre fanno la spesa, sia un servizio positivo per la collettività».

A prendersi cura dei bambini un gruppo di educatrici, tutte volontarie. Tra di loro una mamma, una maestra, un’assistente d’asilo. Il rosso e il blu delle tutine è gradito ma non obbligatorio, in compenso i colori del Bologna dominano in tutte le attività di laboratorio. I bambini costruiscono bandierine e stendardi rosso e blu, colorano puzzle rosso e blu, imparano i cori e le coreografie della curva ma giocano anche a calcetto. «L’intenzione è quella di aprire al più presto anche una palestra popolare, dove insegnare ai ragazzi il pugilato».

I progetti e le attività del centro sono diverse, del resto proprio l’apertura al quartiere rientra nel patto di collaborazione col Comune. «La nostra prima preoccupazione è quella di tenere in ordine la sede e dare dignità a quest’angolo di quartiere che prima era lasciato nel degrado più totale», conclude, «forse a volte siamo un po’ troppo “fumini”, ci arrabbiamo davanti alle cose che non troviamo giuste, ma amiamo profondamente non solo la nostra squadra, ma soprattutto la nostra città».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo