Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
 

Downtown. La sindrome di Down vista dai bambini

20/03/2015  L’originale libro a fumetti che affronta con ironia e tenerezza la Sindrome di Down dal punto di vista dei bambini che ne sono affetti e guardano il mondo senza pregiudizi.

«Il brutto dell’avere la Sindrome di Down è che il giorno in cui nasci i tuoi genitori diventano un po’ tristi.
Il bello è che, dopo quel giorno, non lo saranno mai più».

Questo l'incipit di Downtown (edizioni Sonda) Un originalissimo libro a fumetti, ricco di ironia e tenerezza, dedicato ai bambini  e ai loro genitori. Con un punto di vista davvero originale, quello dei bambini che sono affetti dalla sindrome e che guardano il mondo senza tutti i nostri pregiudizi. Protagonista è Edo (Edoardo) un bambino Down e lo dice subito fin dalla prima pagina, ma poi torna ad essere per  i lettori soprattutto un bambino. Lo è per i suoi amici che sicuramente, prima o poi ci appariranno anche loro un po’ strani, di quella stranezza che è la diversità di ognuno di noi, e che di volta in volta sa strappare un sorriso, una risata o una lacrima. E ci fa scoprire qualcosa di nuovo di noi stessi e degli altri.

Illustrato da Rodrigo Garcia, l'autore è Noël Lang, attratto dal mondo delle idee e della creatività, ha studiato come pubblicitario presso l'Università di Alicante. Per scrivere questo libro si è ispirato alla figura di suo zio Paul, affetto dalla Sindrome di Down. 

Si ride e ci si commuove al tempo stesso leggendo le avventure di Edo e dei suoi amici e si spera che possa essere un modo incisivo per spiegare a tutti che i down sono, prima di tutto persone speciali. Non solo per i loro genitori ma per tutti coloro che hanno la fortuna di conoscerli e di diventare loro amici. 

Multimedia
Giornata per la sindrome di Down, la "proposta speciale" di Salvatore
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo