Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
 

Due sane regole contro l'osteoporosi

20/10/2011  Corretta alimentazione e attività fisica regolare aiutano a prevenire o ritardare questa malattia delle ossa, che colpisce soprattutto le donne.

20 ottobre 2011: Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, celebrata in moltissimi paesi tra cui l’Italia con incontri e convegni e possibilità presso vari ospedali di ricevere esami e consulenze mediche gratuite. Non si può abbassare la guardia: questa malattia cronica è in costante crescita per l’aumento degli anziani nella popolazione che risultano i più colpiti. E’ caratterizzata dalla progressiva diminuzione della massa scheletrica e dal deterioramento della struttura ossea e per l'80% interessa l'universo femminile a causa della carenza di estrogeni che si manifesta durante la menopausa e che accellera il processo di rarefazione ossea. In Italia è affetto da osteoporosi il 13% delle donne fra i 50 e 59 anni e il 41% tra i 70 e 79 anni.

Un'indagine dell'Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.D.A.) parla ogni anno di 90 mila fratture tra le over 60, con forti ripercussioni sulla qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. E, generalmente, a seguito della rottura, il recupero dell’autonomia non è mai completo e dunque provoca enormi disagi fisici e psichici, fra cui la depressione. Ci troviamo di fronte ad un ambito in cui la prevenzione riveste un ruolo fondamentale: seguendo un appropriato stile di vita con al centro una sana alimentazione ed una regolare attività fisica, si riesce a combattere la malattia in modo efficace.

L’apporto di calcio rimane l’elemento centrale di una buona prevenzione: quello presente nel latte e nei suoi derivati è migliore per l’assorbimento legato al rapporto ottimale tra calcio e fosforo che presenta, insieme alla vitamina D che ne facilita l’assimilazione. Anche se la ricerca scientifica ha svelato i meccanismi della fisiologia dell’apparato scheletrico portando ad una migliore diagnosi e somministrazione di protocolli terapeutici, l’arma numero uno rimane la prevenzione. Quando infatti avviene l’evento di rottura, una donna su due non sa nemmeno di avere l'osteoporosi perché non si è mai sottoposta ad una visita specialistica. Fra le donne, invece, consapevoli di avere questo problema, un terzo non segue alcuna cura.

Il messaggio, dunque, da lanciare è quello che l’International Osteoporosis Foundation (Iof) sta diffondendo durante questa celebrazione: "Ama le tue ossa: tre passi per uno scheletro infrangibile". Le principali regole da seguire per ridurre il rischio di osteoporosi sono essenzialmente due:

  1. Corretta alimentazione: il calcio è il principale costituente delle nostre ossa, perciò è necessario assumerne una quantità adeguata in tutte le fasi della vita. I livelli raccomandati di assunzione aumentano da 600 mg al giorno nei neonati ai 1200 mg negli adolescenti. Tali livelli diminuiscono poi con l’età: negli uomini e nelle donne prima della menopausa sono di 800 mg al giorno, poi tornano a crescere negli uomini dopo i 60 anni (1000 mg) e, soprattutto, nelle donne in menopausa per le quali sono necessari 1200-1500 mg di calcio al giorno. Oltre al latte, particolarmente utile se arricchito con calcio e vitamina D, ed ai suoi derivati, alimenti ricchi di calcio sono i legumi, gli ortaggi a foglia ed alcune tipologie di pesce (sardine, acciughe).
  2. Attività fisica regolare: importante quanto l’alimentazione, vale in particolar modo durante la pubertà, periodo di massimo accrescimento osseo. Occorre, infine, adottare una stile di vita sano, evitando alcool, fumo e droghe, ed eseguire esami specifici come la densitometria ossea che permette di valutare la massa ossea e conoscere la cosiddetta "soglia di frattura".  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo