logo san paolo
lunedì 08 agosto 2022
 
 

E' morta Valeria, non il nostro futuro

25/11/2015 

Valeria Solesin, veneziana, 28 anni, è una delle vittime della strage perpetrata a  Parigi da terroristi islamici, venerdì 13 novembre.  Stava nel teatro Bataclan per assistere al concerto, insieme con il fidanzato Andrea Ravagnani e Chiara, la sorella di lui, quando una raffica di mitra l’ha colpita alle spalle. Ha detto Andrea: «La tenevo per mano, l’ho persa all’improvviso… Poi l’ho vista a terra, è morta dissanguata tra le mie braccia».

Alla Sorbona, la sua università, professori e studenti si sono riuniti per ricordarne l’impegno, non solo negli studi e nelle ricerche, ma anche in aiuto agli altri. «Ci siamo viste proprio il giorno del massacro, Valeria mi dava una mano a scrivere la mia tesi. Il suo sguardo era rivolto al prossimo, aveva fatto volontariato per Emergency e a Parigi portava soccorso ai clochard», ha detto la sua amica Ann Kigaru. E un altro amico ha aggiunto: «Lei si era conquistata ogni millimetro della sua vita».

Dopo il diploma al Liceo scientifico di Venezia, Valeria aveva ottenuto la laurea in Sociologia a Trento con 110 e lode. Poi s’era iscritta per il dottorato all’Istituto di Demografia  della Sorbona, dove le avevano assegnato una prestigiosa borsa di studio. Si dedicava a una ricerca un po’ speciale,  il paragone tra le famiglie francesi e le famiglie italiane, evidenziando somiglianze e differenze sul ruolo della donna in casa.

In un articolo che aveva pubblicato due anni fa su una rivista scientifica,  aveva scritto sulle mamme che non riescono a tornare al lavoro dopo una maternità: «Appare auspicabile una maggiore condivisione delle responsabilità familiari e professionali tra le donne e gli uomini». Valeria viveva a Parigi da quattro anni,  stava realizzando il suo sogno, ma certamente le sarebbe piaciuto avere le stesse possibilità anche in Italia.

«Era una cittadina meravigliosa», ha detto la madre Luciana. E il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel messaggio di cordoglio alla famiglia, l’ha definita «figlia d’Italia e d’Europa, uccisa insieme a tanti altri giovani perché rappresentava il futuro dell’Europa, il nostro futuro».

È un futuro che gli odiatori della nostra civiltà non potranno toglierci.

I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo