Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 16 aprile 2024
 
 

Tommasi e il calcio dei Paperoni

09/05/2011  Damiano Tommasi passò alla storia per aver chiesto alla Roma in Serie A un contratto da 15.000 euro l'anno. Ora presiede l'Associazione italiana calciatori.

Alla gente comune, quella degli stipendi risicati e della fine del mese che incombe sui conti di casa, ha sempre fatto un po’ specie pensare che anche i calciatori abbiano bisogno di un sindacato. Un pensiero demagogico per certi versi, che non tiene conto del fatto che i contratti milionari da Serie A e da Champions League non sono che la punta di un iceberg che ha sott’acqua la base dei campionati minori, del professionismo da manovalanza. Sia chiaro manovalanza di lusso, sempre meglio il pallone della fonderia, ma pur sempre manovalanza, fatta di contratti con gli zeri della gente qualunque e dunque con dei diritti da tutelare.

      Da oggi l’Aic (associazione italiana calciatori), che l’uomo della strada guardava con sospetto, avrà una faccia più familiare e, per proprietà transitiva, un’interfaccia più simpatica: Damiano Tommasi, da oggi nuovo presidente. Uno che, quando qualcuno dei colleghi milionari – allora miliardari in lire – alzava troppo la cresta, prendeva le distanze nel nome del senso della misura e della coscienza del privilegio. Uno che, da mediano alla Ligabue, quando si sfasciò un ginocchio e si rimise in piedi, chiese alla sua società, la Roma, in Serie A, un contratto al minimo sindacale: 15.000 euro a stagione, perché poteva garantire sull’impegno e sulla buona volontà, ma non sulla tenuta del ginocchio rifatto in sala operatoria.

Non era sicuro che gli garantisse un rendimento degno della serie A e chiedeva così di essere rimesso alla prova, ma non voleva correre il rischio di non essere all’altezza. E mise bassa l’asticella. Ha finito la sua carriera professionistica in Cina nel 2008, ma ha continuato a correre dal 2009 in seconda divisione al fianco del fratello nel Sant’Anna del Faedo. Ci ha messo i piedi fino adesso, e tanti pezzi di corpo ha pagato in tributo alla passione del pallone. D’ora in avanti sarà tutta questione di testa e cuore. Ma non cambierà molto, saranno la testa e il cuore di sempre.  Chissà se il calcio dei paperoni si sente rappresentato da uno così?

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo