logo san paolo
venerdì 10 luglio 2020
 
Gita turbolenta
 

È giusto che le colpe di pochi ricadano su tutta la classe?

03/06/2018  Un gita di classe turbolenta. Al rientro a scuola i professori se la prendono anche con chi non era coinvolto nelle "malefatte" perché ha visto e non ha "denunciato". "Non è giusto", dice una mamma. "Si chiama omertà", rispondono i professori

Cara professoressa, mia figlia Matilde frequenta il secondo anno del liceo scientifico. Da pochi giorni è rientrata da una gita abbastanza turbolenta. I professori erano ben contenti di accompagnare la classe, ma al rientro sono apparsi dispiaciuti e pentiti: i ragazzi non si sono comportati al meglio. I docenti hanno convocato tutti i genitori e ci hanno spiegato che i comportamenti spropositati e fuori luogo tenuti in gita sono attribuibili solo ad alcuni alunni, ma che tutti i ragazzi saranno considerati ugualmente responsabili perché hanno visto e sono rimasti in silenzio, hanno coperto le malefatte senza reagire. Francamente non mi sembra corretto né educativo che paghino tutti per le colpe di qualcuno, che anche mia figlia, da sempre diligente ed educata, riceva un richiamo collettivo.

CONCETTA

— Cara Concetta, capisco le tue ragioni e l’amarezza che hai nel vedere tua figlia punita per le malefatte personalmente commesse da altri. Al di qua della cattedra, però, la vicenda assume un altro colore. L’obiettivo della scuola è anche quello di educare onesti cittadini, persone in grado di distinguere tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, tra ciò che si può e ciò che non si può fare. Tu sei certa che tua figlia, diligente ed educata, abbia raggiunto questa consapevolezza: quindi, ti chiedi, perché punirla? E nella lettera prosegui: «Dopo aver preso coscienza di un’azione errata, come si può chiedere a un quindicenne di accusare un proprio amico con il rischio di ferire qualcuno cui si è legati o, peggio, di essere poi giudicati da tutti delle spie? Se un professore pensasse possibile una reazione da parte della classe sarebbe quantomeno un ingenuo». In realtà ogni docente ha chiaro in mente il ruolo che il gruppo ha nella vita di un adolescente. Soprattutto comprende quanta forza ci voglia nel riuscire a mantenersi individui anche all’interno di una collettività, nell’affermare la propria opinione anche quando è contraria a quella degli altri. È difficile per gli adulti, figuriamoci per chi è in formazione e non ha ancora ben chiari i contorni della propria identità. Ma la scuola, come la famiglia, non deve forse educare al coraggio? Non deve sostenere e stimolare la crescita? Anche se ogni docente sa perfettamente chi ha davanti – dimostra magari dispiacere e delusione ma non è per niente sorpreso da alcuni comportamenti, ti assicuro – non ha forse il dovere educativo di chiamare omertà alcune mancate reazioni? Di punire chi non ha denunciato pur avendo visto? È difficile per tutti compromettere la propria tranquillità in nome dell’onestà, girarsi dall’altra parte è comodo. Ma perché un domani non si scelga la fuga davanti a un’ingiustizia che compare sotto gli occhi occorre, goccia dopo goccia, lavorare oggi.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%