logo san paolo
venerdì 19 agosto 2022
 
Il grande ciclismo sotto la Mole
 

E gli albergatori torinesi brindano al Giro

25/05/2016  Domenica 29 maggio il Giro d'Italia finirà a Torino: l'ultima volta era accaduto 34 anni fa, nel 1982. L'ultima parte della corsa è un circuito lungo 7,5 chilometri, quasi tutto sulla riva destra del Po. E l'Associazione dei commercianti prevede un aumento di presenze del 10% rispetto allo scorso fine settimana, con una percentuale di occupazione delle camere dell'80 per cento.

Il Giro d'Italia finisce sotto la Mole. L'edizione 2016 della Corsa Rosa assegna a Torino un ruolo di assoluta preminenza. Domenica 29 maggio sarà infatti il capoluogo subalpino a ospitare la tappa conclusiva che incoronerà il vincitore. E' un'occasione di festa per i tanti Piemontesi appassionati di ciclismo, ma è anche una preziosa vetrina per una città che da almeno un decennio (a partire dalle Olimpiadi Invernali del 2006) sta cercando di inserirsi nei percorsi turistici internazionali, spesso facendo leva sui grandi eventi.

Nei prossimi giorni Torino assisterà due volte al passaggio del Giro, la prima già domani. Infatti durante la diciottesima tappa, da Muggiò a Pinerolo, la carovana dei corridori lambirà la periferia nord-ovest della città. In tanti sono pronti per schierarsi a bordo strada, cercando di intravvedere, nello sfrecciare degli atleti, i propri beniamini. Per l'occasione saranno schierati 250 agenti di polizia municipale, 200 volontari della protezione civile e 100 addetti dei servizi tecnici. Ma non è che un'anticipazione, un primo assaggio.

Dopo due durissime tappe di montagna, domenica la corsa approderà nuovamente a Torino, per la passerella e il tripudio finale. Partiti da Cuneo, i corridori raggiungeranno il capoluogo piemontese nel pomeriggio: l'ultima parte della corsa consta di un circuito lungo 7,5 chilometri, quasi tutto sulla riva destra del Po. Dovrà essere ripetuto 8 volte. Verranno lambiti alcuni storici monumenti cittadini, dalla Mole Antonelliana alla Chiesa della Gran Madre di Dio. La conclusione nel parco del Valentino. L'atto finale della gara sarà celebrato da una grande festa di piazza, accompagnata dalla musica, con i concerti del rapper Fedez e della band Planet Funk.

Se sul piano della gara i giochi sono ancora aperti (l'olandese Steven Kruijswijk dimostra sempre più la caratura del leader, ma il suo finale in maglia rosa non è ancora così scontato) di sicuro il Giro è stato una vittoria per gli albergatori torinesi, che si aspettano un week-end fuori dall'ordinario. L'Ascom prevede un aumento di presenze del 10% rispetto allo scorso fine settimana, con una percentuale di occupazione delle camere dell'80%. Un aumento intorno al 5% è previsto anche per gli esercizi pubblici e la ristorazione.

Tra sport, cultura e tradizione, Torino rinsalda i suoi legami con una manifestazione che tante volte l'ha vista protagonista. In 41 occasioni la città è stata arrivo di tappa della Corsa Rosa. L'ultima volta in cui ha ospitato la fase finale è stata nel 1982. Da allora, tanti sono stati i passaggi, più o meno fugaci. Tra le emozioni recenti, va ricordato il 7 maggio 2011. Torino era vestita a festa per il centocinquantenario dell'unità d'Italia e la gara prese avvio dalla Reggia di Venaria, una tra le splendide dimore sabaude che il Piemonte propone ai suoi visitatori.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo