Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 luglio 2024
 
La scelta delle scuole
 

E il liceo classico invece tiene ancora

08/02/2017  Bilancio delle iscrizioni alle scuole superiori. La maggior parte dei ragazzi sceglie i licei, primo fra tutti lo scientifico, ma il classico recupera qualche punto in percentuale rispetto allo scorso anno. Secondi gli istituti tecnici, in calo i professionali

Ed ecco dai dati ufficiali sulle iscrizioni alle scuole superiori una parziale smentita  alle nostre previsioni nere sulla notte del liceo classico. Latino e greco tengono, anzi, sono in crescita rispetto allo scorso anno, con il 6, 6 % dei ragazzi che lo hanno scelto (un aumento dello 0,5 5 rispetto al 2016). In generale i licei sono sxelti dalla maggioranza dei ragazzi, 54,6 %. Il più gettonato è il liceo scientifico 25,1% degli studenti (erano il 24,5% lo scorso anno). Il 30,3% ha optato per un Istituto tecnico mentre solo il 15,1% dei nuovi iscritti ha scelto un Istituto professionale. Per quanto riguarda lo scientifico l'opzione Scienze Applicate, in particolare, sale al 7,8% rispetto al 7,6% del 2016-2017. Stabile l'indirizzo scientifico «tradizionale»: 15,6% delle scelte, erano il 15,5% nel 2016-2017. Così come l'indirizzo scientifico, sezione Sportiva, scelto dall'1,6% dei ragazzi contro 1,4% di un anno fa. Pressoché stabili le preferenze per il Liceo linguistico (che conferma il 9,2%), per il Liceo artistico (4,2% per il 2017-2018, 4,1% l'anno precedente), per il Liceo europeo/internazionale (che conferma lo 0,7%) e per quello delle Scienze umane (al 7,9% rispetto al precedente 7,6%). Licei musicali e coreutici ancora a quota 0,9% . Stabili gli indirizzi Tecnici con il 30,3% di preferenze (30,4% nel 2016-2017). Il settore Economico registra l'11,2% delle iscrizioni (11,4% lo scorso anno); quello Tecnologico, con i suoi vari indirizzi, continua ad attrarre maggiormente, confermando il 19% delle scelte. In flessione, invece, gli Istituti professionali passati dal 16,5% di un anno fa al 15,1% di oggi. In particolare, il settore dei Servizi scende al 9,6% dal 10,5% del 2016-2017. Dal 3,9% dello scorso anno, oggi sceglie un percorso di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) il 3,5% dei neo iscritti. Stabile il settore Industria e Artigianato, che passa dal 2,1% al 2% di oggi. Il Lazio si conferma la regione con la maggiore percentuale di iscritti ai Licei: 66,8%. Seguono Abruzzo (60,8%), Umbria (58,8%), Campania (58,3%) e Liguria (58%). Il Veneto si conferma, invece, la regione con meno ragazzi che scelgono gli indirizzi liceali (45,9%) e la prima nella scelta dei Tecnici (38,5%). Nei Tecnici seguono Friuli Venezia Giulia (37,5%) ed Emilia Romagna (35,8%). Gli Istituti professionali restano ancora primi nelle scelte dei ragazzi della Basilicata (19,3%), seguiti da Campania (17,5%) e Puglia (17,3%).

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo