logo san paolo
domenica 22 maggio 2022
 
 

E il Papa rivela: «Non sanno tutte quelle che ho fatto»

13/09/2013  Francesco, incontrando don Dario Viganò, direttore del Centro Televisivo Vaticano, ha spiegato: «Dica ai giornalisti che le mie telefonate non sono una notizia. E meno male che non sanno le altre»

Un Papa che telefona suscita inevitabilmente stupore. Monsignor Dario Viganò, direttore del Centro televisivo vaticano, ha avuto modo, durante un incontro, di chiedere direttamente al Pontefice qualche curiosità in più. E Francesco lo ha guardato stupito: «Dica ai giornalisti che le mie telefonate non sono una notizia», gli ha spiegato sorridendo. «Io sono così, ho sempre fatto questo anche a Buenos Aires. Ricevevo un biglietto, una lettera di un prete in difficoltà, una famiglia o un carcerato e rispondevo. Per me è molto più semplice chiamare, informarmi del problema e suggerire una soluzione, se c’è. Ad alcuni telefono, ad altri invece scrivo».

Poi, racconta Viganò, il Papa ha concluso divertito: «E meno male che non sanno tutte quelle che ho fatto!». A conferma che le telefonate sono più numerose di quelle finite sui giornali. Anche a don Dario è capitato di riceverne alcune: «Non solo per motivi di lavoro», rivela, «una volta mi ha chiamato in ufficio per farmi gli auguri di compleanno».  

Insomma, don Dario, possiamo parlare ormai di una vera e propria “pastorale del telefono”...
  «Direi di sì. Papa Francesco sintonizza il suo cuore sui bisogni dell’altro e questa sintonia lo spinge a un’immediatezza di rapporto che non è superficialità ma è capire la persona che c’è dall’altra parte, il suo disagio, la sua sofferenza».

Che significa ricevere la chiamata del Papa?
«Che lui si occupi della mia vita, di un mio problema, vuol dire che io conto veramente agli occhi di Dio. Poi magari faccio fatica nella preghiera, a credere. Se il Pontefice, che nell’immaginario comune è una persona distante, si prende la briga di chiamarmi significa che io sono prezioso per lui e soprattutto per il cuore di Dio».

Telefonare è diverso che scrivere una lettera o no?
«La voce permette di condividere lo stato d’animo dell’interlocutore. Poi c’è un altro aspetto interessante: la telefonata non resta. Nel senso che bisogna custodire nel cuore e nella memoria le parole, le sensazioni. Questo è molto importante, perché in un mondo in cui si fa fatica a custodire la memoria diventa un esercizio educativo. Non dimentichiamo che la fede è quasi tutta memoria. La Bibbia ripete sempre: “Ricorda, Israele, quello che ha Dio ha fatto per te”. La memoria è un aspetto fondamentale della persona e fa parte dell’esperienza stessa della fede».  

Multimedia
A casa di Michele Ferri che ha ricevuto la chiamata del Papa
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo