Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
 

E la folla urla: "Uno di noi"

09/08/2014 

“Uno di noi-Uno di noi”. Matteo Renzi non fa in tempo a scendere dall’auto elettrica con cui ha percorso i 5 chilometri di tende del raduno di San Rossore, che i ragazzi lo circondano. Di più, “gli sono addosso”, lo sommergono fra strette di mano e cellulari che scattano foto, incuranti dell’afa e del caldo che a San Rossore quasi impediscono di respirare. Con lui la moglie Agnese, che rimane anche lei travolta dall’affetto e dalla curiosità dei ragazzi. Al solito non si scompone, sorride anche se è in balia dell’onda scout, di cui anche lei ha fatto a lungo parte.

Lo aspettavano domenica ma il presidente del Consiglio, che ha fatto della velocità e dell’imprevedibilità la sua immagine di governo, a sorpresa è arrivato oggi. Ha pranzato assieme al presidente della Camera Laura Boldrini, poi via per il campo.Il presidente del Consiglio è di buon umore, sorride e si vede che è felice di essere in mezzo ai “suoi” scout. Subito scherza: “A chi lascio le chiavi?”. Cerca sintonia e la trova. D’altro canto oltre ad avere vissuto tutta l’esperienza scout come ragazzo, Renzi è poi stato capo impegnandosi anche nella redazione di Camminiamo insieme, che dirigeva firmandosi “Zac”. Dà pacche sulle spalle e si informa anche sui temi scelti e affrontati dai ragazzi: “E voi, che coraggio avete fatto?”, intendendo su quali dei filoni (Il coraggio di amare; Il coraggio di farsi ultimi; Il coraggio di essere Chiesa; Il coraggio di essere cittadini; Il coraggio di liberare il futuro) hanno lavorato i giovani durante l’anno.

Una boccata di serenità dopo gli ultimi giorni intensi del Governo. Lo aspettano al "Parlamentino", il tendone dove 450 alfieri stanno stendendo la Carta del coraggio, che domani consegneranno proprio alle autorità. Se seguirà i programmi previsti, Renzi domani parteciperà alla Messa, celebrata alle 9 dal cardinale Angelo Bagnasco. E chissà se, per questa notte, chiederà di poter dormire in tenda, come una volta..

Multimedia
Le foto della Route nazionale
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo