Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 30 maggio 2024
 
Il teologo risponde
 

È obbligatoria la lavanda delle mani nella Messa?

10/09/2018 

F.B. - Durante la celebrazione della Messa il lavaggio simbolico delle mani è obbligatorio o facoltativo?

Questo gesto è stato introdotto progressivamente nella Messa per un’ovvia finalità pratica dopo che il sacerdote aveva accolto nelle sue mani, da parte dei fedeli, non solo il pane e il vino, ma anche i doni per i poveri e per le necessità della comunità. Scomparsa, o riservata soltanto a qualche circostanza, la processione con i doni, è rimasta tuttavia la lavanda delle mani, dando a essa un significato di purificazione spirituale. Durante i lavori per la riforma liturgica si discusse se sopprimerla o lasciarla soltanto quando necessaria; così è oggi nel rito ambrosiano. Si decise invece di mantenerla nel rito romano. Per la verità, il nobile e doveroso desiderio di purificazione è già ampiamente e più chiaramente espresso dall’atto penitenziale all’inizio della Messa e da tanti altri elementi penitenziali – parole e gesti – presenti nel corso di tutta la celebrazione eucaristica.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo