logo san paolo
venerdì 01 luglio 2022
 
 

E ora il Sinodo delle donne

13/03/2013  Problemi, speranze, attese della Chiesa di oggi analizzati da una scrittrice, dalla presidentessa del Movimento dei Focolari e da due religiose impegnate nel sociale.

«Siete voi donne che potete salvare la Chiesa, aiutarla a respirare un’aria nuova, perché siete più libere nei confronti del potere. Con la vostra forza vitale, con il vostro amore materno, con il coraggio di rimanere là dove tutti scappano, l’aiuterete a ritrovare una rinnovata fedeltà allo spirito del suo fondatore», ha detto un grande vescovo, Raffaele Nogaro.

Sì, la donna oggi può contribuire in modo decisivo a un rinnovamento profondo e radicale della Chiesa. Scrisse nel 2004, l’allora cardinale Joseph Ratzinger: «Si deve accogliere la testimonianza resa dalla vita delle donne come rivelazione di valori senza i quali l’umanità si chiuderebbe nell’autosufficienza,nei sogni di potere e nel dramma della violenza». Cristo affidò a una donna, a Maria di Magdala, l’annuncio della sua Risurrezione.Il terreno è pronto perché i rapporti fra le donne e la Chiesa divengano una priorità al fine di affidare alle donne ruoli autorevoli nella vita ecclesiale.Perché la loro specifica esperienza quotidiana di Dio sia posta al centro della comunità dei credenti. Un Sinodo delle donne, richiesto da più parti, da laiche e religiose, sarebbe un salto epocale di risonanza mondiale.

La valorizzazione dei laici è strettamente collegata a questa priorità. Continuano a essere una presenza apprezzata,ma tenuta ai margini, raramente coinvolta in un confronto che abbatta le barriere e riconosca responsabilità condivise, scelte comuni. «I laici sono i discepoli scelti da Dio per aiutare la  Chiesa a rimanere lontana dal potere e vicina agli ultimi. Non esistono paletti e regole da rispettare per amarLo e non sono quattro mura che possano diventare esclusive dell’amore di Dio». Sono ancora parole del vescovo sopra citato dalle quali ripartire per celebrare quella autentica comunione fra laici e mondo ecclesiastico che arricchisce reciprocamente.Aiuta Dio a manifestarsi fra gli uomini sul sagrato delle chiese.

Una terza priorità è quella delle istituzioni religiose che devono trovare il coraggio di non sacrificare le persone, il loro stesso carisma, al mantenimento di strutture, divenute così pesanti e obsolete da spegnere il vento dello Spirito. Di non chiudersi in un’asfittica autoconservazione,ma di aprirsi alle richieste dei tempi per offrire una coabitazione con il Cristo che non ha casa, potere e privilegi. Di spogliarsi di tutto per potersi «sporcare le mani» con la gente e fra la gente.

Mariapia Bonanate,
 giornalista e scrittrice

Credo che una delle perle consegnate da papa Ratzinger alla Chiesa con la sua rinuncia sia stata l’aver messo in evidenza il primato di Dio e sottolineato che la storia è guidata da Lui. Appare implicito l’invito a cogliere i segni dei tempi e a rispondervi con scelte coraggiose e innovative,seppur sofferte, con speranza e sano ottimismo per «la certezza che la Chiesa è di Cristo». Queste sono per me le priorità di questo momento storico.Apertura alla società contemporanea.Il Concilio ci fa da bussola quando afferma che «le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi»sono «quelle dei discepoli di Cristo».

La Chiesa è per il mondo. Per questo penso che, di fronte alle esigenze di riforma della sua struttura interna, la Chiesa debba anzitutto guardare fuori di sé,intensificando il dialogo con la società. Dal contatto vitale con essa la Chiesa troverà nuove risorse e vitalità per riformarsi al suo interno. Tale dialogo, mentre le permetterà di far sentire la sua voce chiara, nella fedeltà al Vangelo, la porterà ad ascoltare le istanze degli uomini e delle donne di questo tempo, anche di chi la pensa diversamente. Ne verrà una Chiesa più sobria nel possesso di beni, nelle espressioni liturgiche e nelle sue manifestazioni. Una Chiesa più vicina a giovani e adulti, più capace di comunicare.Incremento del dialogo.

Serve, mi sembra, mettere un’attenzione particolare al grande tema dell’unione visibile tra le Chiese. Da qui l’impegno a realizzare passi concreti per arrivare a definizioni della fede e della prassi ecclesiale accettabili da tutti i cristiani. Inoltre occorre continuare a trovare forme e luoghi atti a intensificare l’incontro e il dialogo tra fedeli di religioni diverse, enorme risorsa per la pace e la coesione sociale. Una Chiesa più “comunione”.

Si avverte la necessità di «riconoscersi popolo di Dio», insieme, portatori ognuno di doni da offrire reciprocamente agli altri. Un obiettivo che invita noi cattolici a praticare maggior fiducia, amicizia e unità. Auspico che la Chiesa divenga così più ricca di Vangelo, capace di farsi casa per chiunque. Ciò richiede un esercizio più collegiale dei ministeri,  come pure un maggior coinvolgimento dei laici, uomini e soprattutto donne, nel pensare e nell’agire della Chiesa, che portino stimoli creativi nell’economia, nella politica, nella comunicazione e negli altri ambiti della vita umana.

Maria Voce,
 presidente
 del Movimento
 dei Focolari

Anch’io, come tante altre persone, sogno in questo momento una Chiesa che si metta in questione e che si rinnovi, cercando vie nuove per incontrare ogni persona creata e amata da Dio. Una Chiesa capace di offrire il dono di una parola, di una vicinanza, di un conforto perché nessuno si senta solo, escluso o smarrito, ma parte di una grande famiglia.

La Chiesa che vorrei dovrebbe essere sempre più concepita come comunità di servizio, dove i pastori abbiano il coraggio di indossare il grembiule della ferialità e non solo i paramenti liturgici delle solennità, simbolo di un’autorità che serve, ascolta, partecipa, cerca e accoglie soprattutto gli ultimi e gli esclusi,gli emarginati e i disperati.

Sogno una Chiesa pellegrina sulle strade del mondo per incontrare, come Cristo, i poveri di oggi e annunciare che il Regno di Dio appartiene proprio a loro.Sogno una Chiesa che sappia fare scelte coraggiose e che non abbia paura di incontrare gente di ogni razza e lingua, uomini e donne che nella vita quotidiana incarnano la novità evangelica.

I laici sono la grande ricchezza che la Chiesa ha bisogno di riscoprire e valorizzare giacché ogni credente è parte di una «stirpe eletta,sacerdozio regale, nazione santa» (1Pt2,9). E sogno una Chiesa che sia capace di accogliere e valorizzare la presenza e le capacità delle donne a tutti i livelli: nella formazione dei giovani sacerdoti, nei consigli presbiterali, nei luoghi di pensiero, di responsabilità e di servizio, iniziando dall’uso di un linguaggio inclusivo.

Chi più della donna potrebbe aiutarci a capire il significato di una “Chiesa come Madre”, lei che per vocazione emissione è chiamata a essere genitrice e portatrice di vita? Solo così potrebbe presentarsi davvero con un volto di Madre per un’umanità nuova come Cristo l’ha pensata e voluta. Da molti anni, lamia vita missionaria è ricca di contatti e di impegni in favore di tante persone,specialmente donne, con le loro aspirazioni e le loro rivendicazioni, con il loro desiderio di essere maggiormente valorizzate nel tessuto sociale e familiare, di governo e di Chiesa.

Più volte mi sono chiesta quali potrebbero essere le conseguenze e l’impatto di un Sinodo speciale «sulla donna, per la donna e con la donna». Non potrebbe cominciare da qui l’inizio di un vero cammino di cambiamento?

Suor Eugenia Bonetti,
Missionaria della Consolata,
responsabile
 dell'Ufficio tratta dell'Usmi

La ragione addotta da Benedetto XVI per spiegare perché ha lasciato il ministero petrino mi ha positivamente colpito: «Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio...». Una decisione che ha sfidato la tradizione di secoli viene assunta davanti alla coscienza e a Dio, non dopo tavoli di consultazione, né in considerazione di eventuali illazioni o pronostici sull’effetto che avrebbe potuto suscitare dentro e fuori dalla Chiesa.

Benedetto XVI è studioso e fine teologo; la ricerca della Verità ha avuto un posto importante nelle sue riflessioni e nei suoi scritti. Eppure, al momento di una decisione tanto importante, non è alla dottrina che si appella ma alla sua coscienza di fronte a Dio. La Verità “teorica”cercata con passione è emersa al momento cruciale con un giudizio di verità su sé stesso indicativo di grande saggezza.Nel momento di grande confusione e nebbia di valori un programma serio e profondo attende la Chiesa: il primato delle coscienze, da formare nutrendole con la parola di Dio. Viva e dinamica com’è, la Parola trova la sua massima pienezza se interpretata guardando alla storia, leggendo i segni dei tempi.

La crisi che pervade oggi tutte le istituzioni è fondamentalmente antropologica; riguarda l’attenzione alla persona. La Chiesa “cattolica”, cioè universale, scorge i suoi membri confrontarsi con una realtà sociale che vede vivere insieme uomini e donne provenienti da mondi lontani. Il confronto è vivo e costante, pone problemi che devono essere affrontati. Il profondo cambiamento in atto fa traballare le istituzioni tradizionali nelle quali la persona si realizza: famiglia e matrimonio, scuola ed educazione, economia e mercato, giustizia e Governo necessitano di una parola di sapienza alla quale attingere.

Una parola guida che si radica nel Vangelo e si spande sulla storia, che accompagna le decisioni personali nel difficile lavoro di elaborazione a tutti i livelli. Decisioni che nascono, ovviamente, dalla coscienza formata alla responsabilità personale davanti a Dio e agli uomini. La nebbia di senso nella quale siamo avvolti esige questa parola di saggezza spronante a formare coscienze responsabili e libere. La Chiesa, scuola di umanità (si diceva), possa riprendere vigoria attraverso gli insegnamenti del nuovo Papa.

Suor Giuliana Galli,
 religiosa del Cottolengo,
 consigliera
 della Compagnia
 di San Paolo

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo