Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Il Teologo
 

È possibile celebrare la Messa al di fuori di una chiesa?

31/08/2020 

L.F. - In occasione di un incontro organizzato da un ordine religioso laico, il parroco non ha permesso che si celebrasse la Messa in una chiesa e ne ha condannato la celebrazione fatta ugualmente in uno spazio messo a disposizione dalla braceria dove si è anche cenato. Dove si può celebrare e chi autorizza? 

Non si conoscono i dettagli della situazione. La stessa denominazione “ordine religioso laico” suscita, tuttavia, qualche interrogativo. Non sarà questo il caso, ma emergono in questi tempi molte associazioni religiose dietro le quali ci sono movimenti politici che con il pretesto di difendere l’identità cristiana (confusa con le tradizioni!) strumentalizzano la religione per finalità che nulla hanno da spartire con il Vangelo. Se il parroco non ha messo a disposizione la chiesa, ne avrà dato anche le ragioni. Il fatto che il gruppo abbia comunque celebrato la Messa (presieduta da chi?) nella “braceria” aumenta le perplessità. Comunque il parroco ha agito nei suoi pieni diritti in quanto primo responsabile della pastorale sul territorio parrocchiale (can. 519). La Messa si celebra di norma in un luogo sacro. Eccezionalmente anche altrove, ma secondo precise norme che mirano a salvaguardare la dignità del luogo e del rito (can. 932), e non senza il consenso del parroco del luogo

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo