logo san paolo
domenica 22 maggio 2022
 
Feste e rivendicazioni
 

È simbolo d'amore, giù le mani dal Natale

20/12/2018  C’è chi invoca attenzione alle altre fedi e chi se ne appropria per sostenere le sue battaglie, tra polemiche e strumentalizzazioni. Dalla provocazione di don Favarin alle rivendicazioni identitarie di Salvini: così una tradizione che dovrebbe unire è diventata motivo di divisione

Povero presepe, stretto com’è nella morsa degli opposti estremismi. Chi lo agita come simbolo di un’improbabile religione civile e chi lo censura perché nelle scuole offenderebbe i musulmani e i fedeli delle altre religioni. Chi lo difende come «simbolo della nostra tradizione» e chi, come l’europarlamentare della Lega Mario Borghezio, lo porta persino a Bruxelles: «Ci ricorda a quali tradizioni apparteniamo e il diritto-dovere di combattere per la loro difesa». Basta mettere la parola “presepe” nell’Ansa e viene fuori di tutto: dichiarazioni di ministri e intemerate di parroci, precisazioni di vescovi e censure, al limite del ridicolo, di qualche insegnante. Come quelle di una scuola elementare della Riviera del Brenta, al confine tra le province di Venezia e Padova, che avevano cancellato il nome di Gesù da una canzone di Natale imparata per la recita degli alunni. Ma una bambina di 10 anni si è ribellata e dopo aver raccolto le “firme” tra i compagni di classe, ha vinto la sua battaglia: Gesù ha ripreso il suo posto nella canzone.

A ogni anno la sua polemica. Che poi, quella di quest’anno, tanto polemica non è, se gran parte del mondo cattolico (da singoli parroci a molti vescovi, da associazioni come la Comunità di Sant’Egidio, la Casa della Carità di don Colmegna e la Papa Giovanni XXIII di don Benzi, fino al quotidiano Avvenire) ha sentito il bisogno di dire che no, non è possibile scatenare battaglie per difendere il presepe se si parla (e legifera) in senso ostinato e contrario, “smontando”, con il decreto sicurezza, anche il circuito dell’accoglienza che funziona e integra gli immigrati arrivati nel nostro Paese per lavorare e si abolisce la protezione umanitaria. Il sasso nello stagno lo ha gettato il 2 dicembre scorso don Luca Favarin, prete di strada di Padova, che dalla sua pagina Facebook ha lanciato un appello: «Quest’anno non fare il presepio credo sia il più evangelico dei segni. Non farlo per rispetto del Vangelo e dei suoi valori, non farlo per rispetto dei poveri». Una provocazione forte, certo. Il vicepremier e ministro degli Interni Matteo Salvini gli ha risposto subito: «Giù le mani da Gesù Bambino e dal presepe! Viva il Natale!». A Favarin ha replicato anche Elena Donazzan, assessore regionale all’Istruzione del Veneto, ricordando che «le scuole hanno accolto bene l’iniziativa originale, voluta dal Consiglio regionale lo scorso anno e tradottasi nella proposta della Giunta veneta di concedere 250 euro agli istituti che avessero realizzato il presepe. Ben 546 scuole hanno partecipato al bando».

La questione non è tanto se fare o non fare il presepe, quanto il significato che gli viene attribuito. Solo tradizione? Per i cristiani non è così, come ha ricordato, tra gli altri, il vescovo di Campobasso Giancarlo Bregantini, il cardinale di Agrigento ed ex presidente di Caritas italiana monsignor Francesco Montenegro e il vescovo di Chioggia Adriano Tessarollo, che in un’intervista al Corriere del Veneto se l’è presa con i politici: «Strumentalizzano il presepe e dicono di voler preservare l’identità cattolica e cristiana, basata sull’amore per il prossimo, predicando l’odio e l’esclusione invece dell’inclusione». Ad Acquaviva delle Fonti (Bari) il comitato feste patronali ha allestito un presepe provocatorio dove il Bambinello nasce nel mare, con Giuseppe e Maria, profughi, non accolti da nessuno, per richiamare l’ecatombe di migranti del Mediterraneo.

Quanto all’accusa che il presepe offenderebbe i musulmani, basta aprire il libro L’Iran oltre l’Iran di Alberto Zanconato, a lungo corrispondente dell’Ansa a Teheran e poi a Beirut, e leggere questa testimonianza: «Gesù è uno dei più importanti profeti dell’islam e Maria una figura tra le più venerate dai musulmani. Reza, un mio amico iraniano che non mancava di recitare quotidianamente le preghiere, non beveva alcol e osservava coscienziosamente il digiuno del Ramadan, mi chiese un giorno, mentre partivo per le vacanze in Italia, di portargli al mio ritorno le statuine del presepio, per suo figlio».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo