Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
 

Adolescenti: non dipingiamole così

13/11/2013  Esplode il fenomeno delle baby prostitute e l’Italia intera grida all’emergenza. Ne parliamo con il dottor Alessandro Prisciandaro, Pedagogista e presidente dell’Apei, Associazione Pedagogisti ed educatori Italiani.

Esplode il fenomeno delle baby prostitute e l’Italia intera grida all’emergenza. Ne parliamo con il dottor Alessandro Prisciandaro, Pedagogista e presidente dell’Apei, Associazione Pedagogisti ed educatori Italiani.

- Cosa sta succedendo?
«Siamo davanti a una emergenza educativa. In questo ventennio ci siamo dimenticati di educare. L’uomo ha conquistato nel tempo obiettivi di cultura, fratellanza, valori e rispetto ma non vuol dire che questi restino come patrimonio alle nuove generazioni. È tutto un lavoro da rifare. Presi dal vortice consumistico del nostro stile di vita, presi dal conquistarci un pollice in più di una televisione nuova, ci siamo dimenticati che i nostri figli vanno educati e di dare loro un futuro. Il rispetto, l’onestà, il lavoro sono cose quasi banali. Ma io voglio dire banalità perché se ci siamo dimenticati del rispetto di sé e degli altri allora che ben vengano le banalità. La famiglia non educa, la collettività non dà un futuro ai giovani. E poi di chi è colpa? Loro. E la “via breve” è sempre la stessa: stabilire che questi ragazzi sono malati. Se i ragazzi non vanno bene a scuola, sono malati. Hanno individuato 17 disturbi del comportamento. Ma tutti crescono e tutti hanno diritto all’istruzione; sarà il maestro che veicola l’insegnamento con gli strumenti che possiede. Non possiamo dipingere l’infanzia in questo modo, non ce lo possiamo permettere perché loro sono il futuro e per i milioni di giovani che studiano, sperano, si sacrificano e, alla fine, ce la fanno».

- Cosa dobbiamo fare?

«Dobbiamo abbandonare la tendenza alla facile soluzione del “disturbo” e rafforzare la soluzione educativa della famiglia, pensare alla famiglia, aiutarla perché abbia gli strumenti e il tempo per stare vicino ai figli. Restituire alla famiglia il ruolo centrale di educare i figli. Attraverso il lavoro, perché senza lavoro non c’è dignità, senza dignità non c’è rispetto e il degrado si espande a macchia d’olio. Riprendiamo il lavoro e l’educazione e guardiamo positivo. Qualche ragazzina si prostituisce, lo so. Ma perché descrivere un’intera generazione come prostitute? La stampa dia la notizia ma lo faccia con sobrietà. Racconti, invece, i milioni di giovani che studiano, si impegnano e vivono normalmente. I nostri giovani sono sani, lo ripeto; la società costruisca per loro speranza e futuro. La scuola reagisca con uno scatto, tornando ad imparare invece che pretendendo solo di insegnare. Riprendiamoci i ragazzi con un dialogo educativo che coinvolge tutta la società!

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo