Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
Insicurezza
 

«È una ragazza intelligente, ma il liceo classico le ha rubato tutta la fiducia in sé»

21/11/2023  «Mia nipote è una ragazza intelligente e sensibile, ma tormentata e timorosa del liceo classico, scuola scelta liberamente ed entusiasticamente. In famiglia ci profondiamo in mille parole d’incoraggiamento, ma a vuoto». Leggi la risposta Fabrizio Fantoni sicologo e psicoterapeuta

Sono prozio ultraottantenne di una ragazza intelligente e sensibile, ma tormentata dalla mancanza di fiducia in sé stessa, timorosa di non essere capace di proseguire nello studio appena intrapreso del liceo classico, liberamente ed entusiasticamente da lei stessa scelto. In famiglia ci si profonde in mille parole d’incoraggiamento in risposta a ogni sua manifestazione di sfiducia in sé stessa.

Ma i nostri incoraggiamenti sono risultati del tutto vani.

ZIO MARIO

 

Risposta di Fabrizio Fantoni 

– Caro zio Mario, non sono convinto che i vostri incoraggiamenti siano così inutili: questa ragazza sa di poter contare sull’appoggio e sull’affetto dei suoi familiari come base sicura per affrontare le sfi de di questi anni. 

Una base necessaria, ma non suffi ciente: l’autostima, lo dice la parola stessa, è la capacità di stimarsi, cioè di valutarsi, in autonomia, e non in base al giudizio altrui. È un percorso che occupa tutta l’adolescenza, per il quale occorrono due specchi: quello degli adulti, che rifl ette quanto di adulto sta germinando nell’adolescente in termini di responsabilità, maturità, affi dabilità.

E quello dei coetanei, che rispecchia le qualità emotive: il carattere, la capacità di gestire le emozioni e di manifestare i sentimenti nei rapporti con gli altri. A partire da queste immagini, l’adolescente costruisce la fi ducia in sé stesso attraverso il pensiero su di sé. Questa fi ducia si consolida attraverso le reali esperienze di vita in cui un adolescente si mette alla prova e si riconosce.

A voi capire che cosa manca a questa ragazza: lo specchio degli adulti sembra essere attivo, e quello dei coetanei? Quali esperienze fuori da casa la ragazza sta facendo per sperimentare concretamente le sue risorse? Questo solo può dare risultati. Per i libri che mi chiedi, ti propongo Girl R-Evolution del nostro Pellai o Sii te stesso a modo mio di Matteo Lancini.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo