Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
Chiedi al Teologo
 

È “valida” la messa se si esce subito dopo il Padre nostro?

11/10/2016 

ENRICO C. Alla fine della recita del Padre nostro vedo uscire dalla chiesa vari fedeli. È valida la Messa uscendo in quel momento? Quando lo è?

In un rapporto d’amore (e il rapporto con Dio è amore o non è!) non si parla di validità, ma di verità. È valido ciò che è vero. Del resto non sono le semplici formalità burocratiche che fanno la verità di un matrimonio, ma l’amore effettivo che lega i due coniugi. Non è corretto andare a Messa semplicemente per osservare una norma, ma per incontrare il Signore che «come ai discepoli di Emmaus, ci svela il senso delle Scritture e spezza il pane per noi». La Messa è una celebrazione unitaria; è presenza e incontro con il Signore dall’inizio alla fine. Anzi, la Comunione è il vertice della partecipazione attiva. Negli ultimi secoli del primo millennio c’era effettivamente un congedo dopo il Padre nostro per i catecumeni e i pubblici penitenti che non erano ammessi alla mensa eucaristica. Oggi non sembra essere questo il caso. Solo una vera urgenza può giustificare un’uscita anticipata.

I vostri commenti
39

Stai visualizzando  dei 39 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo