logo san paolo
martedì 07 dicembre 2021
 
dossier
 

Il Papa nel quartiere narcos, contro ricchezza vanità orgoglio

14/02/2016  Primo Pontefice ad andare a Ecatepec, il sobborgo più grande dell'America Latina, base della maggioranza dei cartelli della droga, Bergoglio invita a combattere le tre tentazioni che fanno scivolare nella corruzione e nel peccato

Nessun Papa era ancora andato a Ecatepec, la cittadina a soli 50 chilometri da Città del Messico dove papa Francesco ha celebrato la sua seconda messa nel Paese. Una regione piena di problemi, dove è forte il culto  della "Santa Morte" praticato soprattutto dai sicari dei narcos. Il sobborgo più grande dell'America latina, con  un milione e 600 mila abitanti, base della maggior parte dei cartelli della droga che da qui partono per dare l'assalto alla città. Anche per questo Bergoglio ha deciso di far tappa tra questa popolazione che lo ha atteso dispiegata a macchia d'olio nell'aerea del centro studi della città diventata chiesa a cielo aperto.

Al termine della messa il Papa ha invitato tutti «a stare in prima linea, ad essere intraprendenti in tutte le iniziative che possano aiutare a fare di questa benedetta terra messicana una terra di opportunità. Dove non ci sia bisogno di emigrare per sognare; dove non ci sia bisogno di essere sfruttato per lavorare; dove non ci sia bisogno di fare della disperazione e della povertà di molti l’opportunismo di pochi. Una terra che non debba piangere uomini e donne, giovani e bambini che finiscono per perdere la vita nelle mani dei trafficanti della morte».

Papa Francesco commenta il Vangelo delle tentazioni. Le tre tentazioni che il demonio tende a Gesù nel deserto e con le quali ancora oggi cerca di sedurre gli uomini: la ricchezza, la vanità, l'orgoglio.

Bergoglio parla di corruzione spiegando che la tentazione della ricchezza è quella di impossessarsi di «beni che sono stati dati per tutti, utilizzandoli solo per me o per “i miei”. E’ procurarsi il pane con il sudore altrui, o persino con la vita altrui. Quella ricchezza che è il pane che sa di dolore, di amarezza, di sofferenza. In una famiglia o in una società corrotta è il pane che si dà da mangiare ai propri figli».

La vanità, poi, è «quella ricerca di prestigio basata sulla squalifica continua e costante di quelli che “non sono nessuno”. La ricerca esasperata di quei cinque minuti di fama che non perdona la “fama” degli altri».

Infine la tentazione peggiore, quella dell'orgoglio, «ossia il porsi su un piano di superiorità di qualunque tipo, sentendo che non si condivide la “vita dei comuni mortali” e pregando tutti i giorni: “Grazie Signore perché non mi hai fatto come loro”».

Tre tentazioni con le quali il cristiano si confronta ogni giorno e che «cercano di degradare, di distruggere e di togliere la gioia e la freschezza del Vangelo. Che ci chiudono in un cerchio di distruzione e di peccato».

Per tutti vale l'esempio di Gesù che no risponde con le sue parole, ma con quelle di Dio perché, aggiunge a braccio papa Francesco, «con il demonio non si dialoga, non si può dialogare perché lui vincerà sempre, solo la forza della parola di Dio può sconfiggerlo».

Il Papa insiste: «Sappiamo che cosa significa essere sedotti dal denaro, dalla fama e dal potere. Perciò la Chiesa ci dona questo tempo di quaresima, ci invita alla conversione con una sola certezza: Lui ci sta aspettando e vuole guarire il nostro cuore da tutto ciò che lo degrada, degradandosi o degradando. E’ il Dio che ha un nome: misericordia».

Multimedia
Il Papa al confine tra Messico e Usa: «Mai più morte e sfruttamento!»
Correlati
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo