Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Disagio giovanile
 

Educare con gentilezza secondo Monsignor Delpini

11/01/2022  Promossa dal progetto "Le Ali" che supporta adolescenti con disagio e sofferenza, la serata del 14 gennaio con l'arcivescovo di Milano, anche in diretta streaming

Per rispondere al crescente disagio dei giovani nel 2019 nel Decanato di Carate Brianza (Diocesi di Milano) e in collaborazione tra Pastorale Giovanile, Caritas e Pastorale dello Sport è nato il progetto “Le Ali”, per prendersi cura dei preadolescenti/adolescenti che si trovano in un periodo di particolare fragilità dal punto di vista personale e relazionale. Attraverso lo strumento degli sportelli gratuiti di counseling, viene assicurata ai giovani e alle loro famiglie una risposta competente e mirata al bisogno, molto spesso sommerso, di ragazzi che si trovano ad affrontare situazioni di difficoltà, di disorientamento o di impasse e che faticano a gestire in modo positivo e propositivo... una problematica che si è fortemente accentuata in questo periodo di pandemia: ne è prova la crescita del numero di famiglie seguite dagli psicologi del progetto (passato da 29 nel 2019 a 38 nel 2020 e ora a quasi 60), la maggior parte con figli nella fascia d’età tra i 14 e i 18 anni.

Ogni anno, in occasione della Settimana dell’Educazione, il progetto “Le Ali” organizza un convegno di restituzione alla Comunità, andando a illustrare i risultati del lavoro svolto, sia in termini quantitativi (i numeri, le provenienze, i tipi di bisogni intercettati), sia in termini qualitativi (le attività svolte, i percorsi attivati, le collaborazioni raccolte). Quest’anno, il convegno è previsto per venerdì 14 gennaio al Cineteatro L'agorà di Carate Brianza dalle ore 21.00 e vedrà la presenza di Sua Eccellenza Monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano. Interviene anche Ilaria Folci, docente di pedaogia speciale all'Università Cattolica.

Nel suo Discorso alla Città  l’Arcivescovo si è soffermato sull’emergenza educativa a cui  la comunità è di fronte: « […] La stagione indefinita del Covid-19 ha diffuso, soprattutto negli adolescenti e nei giovani, svariate forme depressive, con un aumento considerevole dei disturbi alimentari sino alle forme estreme della bulimia, dell’anoressia, del buttar via la vita nei rischi estremi e nel suicidio»  e – soprattutto – di smarrimento di noi adulti di fronte a questo dramma: «[…] Mi sembra di raccogliere l’impressione di un’impotenza a proposito dell’educazione dei giovani. Sembra che abbiamo tutti i mezzi per spingere avanti i giovani, per predisporre condizioni propizie per realizzare ogni desiderio, ma non siamo in grado di dire verso dove convenga andare, non siamo in grado di dimostrare con semplicità, sincerità e gentilezza che vale la pena di diventare adulti».

Così gli operatori del progetto “Le Ali” hanno pensato di fare un dono alla comunità chiedendo a Delpini di condividere cosa significa educare oggi, a fronte dei nuovi bisogni. «E abbiamo pensato altresì di fare anche un piccolo dono a lui», dichiara Riccardo Crippa, tra i tra i promotori del progetto “Le Ali” e moderatore dell'incontro, «restituendo il racconto di un’esperienza educativa concreta nata nella nostra Chiesa milanese e che può dare consolazione al nostro Arcivescovo».
La serata è intitolata “Gentilezza dell’educare” per ricevere indicazioni, orientamenti e incoraggiamenti dall’Arcivescovo. nostro Pastore, Si terrà anche   in diretta streaming a questo link http://www.le-ali.it/

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo