Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
Effetto pandemia
 

Effetto pandemia, aumento record di disturbi psichiatrici tra i giovanissimi

14/10/2021  Si è registrato un +84% di minori che si sono rivolti al Pronto Soccorso per grave disagio mentale. Si può parlare di "un'altra epidemia subdola e inaspettata". Preoccupa la crescita esponenziale dell'"ideazione suicidaria". Inoltre, a causa del costo elevato delle terapie, molte famiglie sono costrette a rinunciare alle cure

Un’indagine della Società Italiana di Pediatria (Sip) condotta in 9 regioni italiane tra marzo 2020 e marzo 2021 segnala che se gli ingressi totali degli under 18 ai Pronto Soccorso si sono quasi dimezzati (-48,2%) prevalentemente per la paura dei contagi, quelli per patologie neuropsichiatriche sono aumentati dell’84% rispetto al periodo pre-Covid.

Una situazione allarmante che fa dire a Elena Bozzola, segretario della Sip che «esiste un’altra pandemia, inaspettata, subdola che negli ultimi mesi sta colpendo i nostri ragazzi».

Si parla infatti di un aumento di accessi del 147% per "ideazione suicidaria", seguiti da depressione (+115%) e disturbi della condotta alimentare (+78.4%). Psicosi e disturbi del comportamento alimentare rappresentano le prime due cause di accesso al pronto soccorso per patologia neuropsichiatrica (pari rispettivamente al 16,7% e al 15,9%). Le regioni in cui si è avuta una crescita maggiore degli ingressi sono state Emilia-Romagna (+110%), Lazio (+107.1%) e Lombardia (+100%).

In Italia pesa il problema di pagare uno psicologo privato, spesso si finisce per rinunciare alla terapia. Ciò perché i costi per una seduta sono molto elevati: si va da una media di 80 euro l’ora al Nord a 50-60 euro nel Sud. Il servizio sanitario nazionale delega alle Asl regionali l’assistenza psicologica ma il servizio pubblico tende a dare priorità alle emergenze sanitarie e sociali gravi. Il risultato è che una parte della popolazione rimane esclusa dalla cura della salute mentale e dalla prevenzione di eventuali patologie.

Il Codacons ha pertanto deciso di fare un esposto alla Procura della Repubblica per l'emergenza sanitaria attuale. Sottolineando che è necessario rivedere il sistema di assistenza psicologica e psichiatrica in Italia. In troppi restano da soli.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo