logo san paolo
martedì 07 dicembre 2021
 
 

Egitto, tutti contro Mubarak

31/01/2011  Intervista con un giovane italiano che vive e studia al Cairo: «Nelle piazze non si sentono slogan di tipo religioso. Le proteste in strada uniscono donne e uomini, giovani e anziani».

Paolo Nolano, un giovane italiano che da oltre un anno vive nella capitale egiziana e studia l'arabo.
Paolo Nolano, un giovane italiano che da oltre un anno vive nella capitale egiziana e studia l'arabo.

A una settimana dall'inizio delle proteste più dure contro il regime di Hosni Mubarak gli egiziani non si arrendono e continuano a scendere nelle strade, sfidando il coprifuoco, per chiedere un cambiamento politico radicale. “Qua e là si vedono segni di stanchezza fra i manifestanti. Tra l'altro nei negozi cominciano a scarseggiare alcuni generi di prima necessità. Questa mattina non sono riuscito a trovare pane fresco. Alcuni supermercati sono chiusi, ma restano aperti i chioschi che vendono alimentari. Però, nonostante questo, tutti dicono che la protesta andrà avanti fino alla caduta di Mubarak”.

Dal Cairo parla Paolo Nolano, un giovane italiano che da oltre un anno vive nella capitale egiziana. Paolo studia arabo e ha molti contatti con la società civile egiziana, soprattutto con i giovani. “Qui al Cairo, tra la gente, la parola d'ordine è una sola: Mubarak se ne deve andare. Lo chiedono tutti: uomini e donne, giovani e anziani. Ho visto in strada anche bambini e mutilati, donne con il niqab vestite di nero. Uno degli slogan più urlati dice: il popolo è unito. Sembra proprio così”.

La gente non vuole più Mubarak, ma dopo che cosa si aspetta?
Questo non lo sa davvero nessuno. Nessuno sembra avere le idee chiare e regna una grande incertezza. Però la gente è davvero stanca del regime.

Mohamed El Baradei, 70 anni, l'ex alto funzionario dell'Onu che si propone come leader dell'opposizione, ha un seguito popolare? La gente lo sostiene?
Direi proprio di no. Mi pare abbia più credito all'estero e nei circoli diplomatici che qui in Egitto. Quando nei giorni scorsi si è diffusa la voce che lo avevano arrestato gran parte della gente è rimasta indifferente. Francamente i suoi sostenitori mi sembrano una minoranza.

I copti che cosa dicono? Anche loro protestano?
Venerdì scorso, in occasione della grande manifestazione delle opposizioni, il 'papa' copto Shenouda III aveva chiesto ai copti di non scendere in strada a protestare, ma so che diversi amici copti si sono uniti alla protesta a titolo individuale, senza simboli o insegne. D'altra parte, per ora, nelle strade non si sentono slogan di tipo religioso, sia da parte dei musulmani che della minoranza cristiana. Gli unici slogan sono quelli contro Mubarak.

Quali sono le scene più impressionanti che hai visto in questi giorni?
Ricordo con emozione il pianto di un giovane tassista. Gli ho chiesto se era riuscito a dormire e lui mi ha risposto di no, perché era troppo in ansia per la sorte del suo paese che ama. Ricordo anche la banda di ragazzini che ha provato a saccheggiare un negozio sotto casa mia, mentre gli abitanti della strada si chiamavano a gran voce per difendere il negozio dall'assalto. Poi ho visto molti persone dirigere il traffico al posto della polizia nei punti nevralgici della città. In generale, mi ha colpito l'umanità e il senso di responsabilità degli egiziani, nonostante la paura e l'incertezza.

La gente sembra guardare con simpatia ai militari, è così?
Sì la gente sembra fidarsi dei soldati, mentre teme la polizia. Questo lunedì mattina sono ricomparsi in strada i poliziotti e molti sono preoccupati. Nella repressione della rivolta i più duri sono stati proprio i poliziotti.

Che succede nel resto dell'Egitto?
Da Alessandria e da Suez arrivano brutte notizie. Ci sono stati morti, soprattutto a Suez, saccheggi e devastazioni. Un amico che lavora a Ismailia è preoccupato perché non riesce a raggiungere la sua famiglia ad Alessandria. Muoversi all'interno del paese resta complicato.

Le ambasciate vi chiedono di partire?
Per ora no, non ci sono piani di evacuazione. Ci lasciano liberi di scegliere, ma per chi vuole partire non è facile perché all'aeroporto è il caos.

Hai paura?
No. Devo dire che in questi giorni gli amici egiziani sono molto premurosi e protettivi verso noi stranieri. Ci chiamano in continuazione, ci rassicurano, ci dicono se è il caso di uscire oppure no, dove si può andare e dove può essere pericoloso. Questo mi sembra molto bello.

 

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo