logo san paolo
venerdì 22 ottobre 2021
 
 

Elezioni in Russia: comunque Putin

04/12/2011  Le elezioni per il Parlamento non incideranno sulla guida del Paese. Ma il problema è: riuscirà Putin a integrare l'economia russa in quella globale? I russi stanno scoprendo che...

Colazione al Cremlino per Vladimir Putin (a sinistra) e Dmitrij Medvedev.
Colazione al Cremlino per Vladimir Putin (a sinistra) e Dmitrij Medvedev.

Oggi si vota in Russia per il rinnovo del Parlamento. E il 4 marzo si voterà per scegliere il nuovo Presidente, che sarà poi quello vecchio: dopo l’intermezzo di Dmitrij Medvedev, al Cremlino tornerà Vladimir Putin, e forse Medvedev prenderà il suo posto di premier.

     Dicono i sondaggi che al Parlamento qualcosa potrebbe cambiare: Russia Unita, il partito pro-Putin e pro-Cremlino, potrebbe perdere una cinquantina dei 315 seggi (sui 450 totali) che controlla alla Duma, la Camera bassa; il Partito comunista potrebbe invece guadagnarne altrettanti e arrivare intorno al centinaio rispetto ai 57 attuali. Certo, il partito di Putin perderebbe la maggioranza assoluta che ora gli consente di decidere ciò che vuole quando vuole, ma non v’è dubbio che qualche alleanza ben aggiustata porrebbe rimedio all’impaccio.

     Dando per scontato che Russia Unita continuerà a governare e Putin a comandare dal Cremlino (e adesso per almeno altri 6 anni, visto che la Costituzione è stata modificata per dargli un mandato più lungo), il punto vero diventa un altro: quale politica si darà la Russia per i prossimi anni?

     Anche se “solo” primo ministro, in questi quattro anni Putin non è rimasto a guardare. Ma i risultati migliori li ha ottenuti nel suo campo preferito: la politica dell’energia, che per la Russia è interna ed estera allo stesso tempo. Nel 2010 gas e petrolio (comprese le tasse raccolte per estrarli ed esportarli) hanno generato il 46% degli introiti dello Stato, una quota che negli ultimi sei anni non è mai scesa sotto il 37%.

     Putin ha affrontato la crisi finanziaria globale blindando la posizione di grande esportatore della Russia. Ha messo sotto tutela in vario modo Ucraina e Belorussia. Ha reso Gazprom partner fondamentale nei progetti North Stream (l’altro partner decisivo è la Germania) e South Stream (con l’Italia) per il trasporto del gas e, manovrando la leva della questione nucleare, ha stipulato accordi con l’Iran che consentono alla Russia di non essere tagliata fuori del tutto dai traffici energetici del Golfo Persico. Ha gettato le basi per un accordo doganale tra Paesi ex sovietici che comprende anche il Kazakhstan, altro grande estrattore ed esportatore di gas. Insomma, sta riuscendo nell’impresa di trasformare la Russia nell’anello fondamentale della catena che unisce i Paesi consumatori dell’Ovest (soprattutto l’Unione Europea) e dell’Est (la Cina in primo luogo).

     Una posizione di rendita quando tutto va bene, di grosso rischio quando l’economia è in crisi. E’ stato calcolato che per tenere in equilibrio il bilancio dello Stato russo, il prezzo del petrolio deve restare sopra i 115 dollari a barile. In questi giorni le contrattazioni viaggiavano poco sopra i 100 dollari e le previsioni a un anno parlano di 115-120 dollari. Affidare parte così importante del proprio destino economico a un solo settore significa esporsi in modo poco protetto alle incognite dell’economia globale.

     Proprio ciò che è successo nel 2008, quando il prezzo del greggio, arrivato a circa 150 dollari a barile in luglio, scese nel giro di poche settimane a meno di 50 dollari. Risultato: a fine 2009 il Pil russo era crollato dell’8%.

La posa di un oleodotto in Siberia.
La posa di un oleodotto in Siberia.

.... Da questo punto di vista, il recentissimo ingresso della Russia nell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto), anche se atteso per ben 18 anni, rischia di complicare ulteriormente le cose. La normativa del Wto non si applica a gas e petrolio, ma a tutto il resto degli scambi commerciali sì. E la Russia, escludendo le materie prime, è un Paese leader in ben pochi settori.

     Così i Paesi più ricchi e sviluppati sono diventati per la Russia non più la classica “vacca da mungere” ma, al contrario, un fattore di rischio: la contrazione dell’economia (la Banca mondiale ha calcolato che il Pil complessivo dei Paesi ricchi sarà cresciuto solo dell’1,6% nel 2011 contro il 2,7% del 2010) ha fatto scendere il prezzo di gas e petrolio e quindi ha ridotto i guadagni della Russia che però non è per questo diventata meno dipendendente dalle importazioni che, al contrario, in questi tre anni di crisi sono ancora cresciute.

     Tutti i settori non energetici fondamentali dell’economia russa, d’altra parte, hanno subito una contrazione importante: le costruzioni (da un più 9,6% del gennaio-luglio 2010 al 5,3% dello stesso periodo 2011), i trasporti (dal 12,3% al 4,5%), le manifatture (dall’11,8% al 5,8%) e così via.  Tutto questo significa che la Russia va molto bene se gli altri vanno bene (cioè, se acquistano il suo petrolio e il suo gas) ma va molto male se gli altri smettono di andar bene.
 

     Una condizione particolare che esercita effetti immediati sulla situazione sociale. Nel doppio mandato da Presidente, Putin era riuscito ad assicurare un lento ma costante miglioramento delle condizioni di vita dei russi e una certa stabilizzazione all’intero sistema. Negli ultimi quattro anni, però, il numero dei poveri in Russia è rimasto di fatto inalterato (18,9 milioni di persone nel 2007, 18,6 milioni di persone oggi) e le misure di protezione del ceto medio e dei lavoratori, adottate in questi anni di crisi, sono state quasi totalmente erose dall’aumento dell’inflazione e dalla mancata indicizzazione di salari e pensioni.

     Così Vladimir Putin, che tornerà di certo al Cremlino, e Russia Unita, che comunque continuerà a controllare il Parlamento dopo queste elezioni, si ritrovano alle prese con il dilemma che ha contrassegnato l’ultimo decennio: come inserire la Russia nel flusso dell’economia mondiale senza scontare l’intrinseca debolezza del suo sistema economico?

      Putin, volendo escludere dal suo bilancio di leader la questione dei diritti civili, ha lavorato piuttosto bene, ma sempre in difesa.
Proteggendo le debolezze (e di conseguenza il suo popolo) ma riuscendo assai poco a risolverle. Tra poco vedremo se ha qualcosa di più in mente per il suo ritorno al Cremlino.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%