Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
 

Elezioni: una poltrona per tre

23/01/2013  Sotto le proteste di Berlusconi e Maroni e le concessioni di Bersani, Monti ha parlato di una «misurata e graduale riduzione delle tasse». Vedremo se gli basterà.

A un mese esatto dalle elezioni politiche nazionali e da quelle in tre Regioni (Lombardia, Lazio e Molise) è possibile elencare quattro caratteristiche di una “campagna” come non se ne ricordano altre nella storia della Repubblica. La prima è la compresenza di tre candidati alla guida del Paese, Bersani, Berlusconi e Monti, quando nei decenni trascorsi fino al 1994 la nomina a Palazzo Chigi era affidata alle procedure parlamentari seguenti al voto popolare, mentre negli ultimi 18 anni il duello anticipato era fra due, Berlusconi e un suo temporaneo rivale (due volte Prodi, che lo sconfisse).

La seconda novità è che di partiti in quanto tali non ne è rimasto in campo che uno: il Pd di Pier Luigi Bersani (anche se al suo interno esistono scontri non da poco sia sui programmi sia sulle future alleanze). Il Pdl di Silvio Berlusconi è sostanzialmente un vuoto ideologico in cui si agitano voci contrapposte di “correnti” soprattutto personalistiche, trasformatesi negli ultimi mesi in liste elettorali distinte, mentre nel Popolo della libertà vero e proprio è stata aperta fino all’ultimo la resistenza alla rinuncia da parte di candidati “impresentabili” dal punto di vista giudiziario. Quello che conta è la presenza del Cavaliere, la sua “campagna” radiotelevisiva davvero impressionante.

Infine, Monti non ha dietro di sé un partito, ma una convergenza di candidature provenienti dalla società civile, culturalmente e ideologicamente inclini a ritenersi non già “moderate”, per raccogliere il voto dei ceti medi, ma “riformiste”, secondo i precetti dello stesso leader per un’Italia “nuova” da realizzare attraverso una “scelta civica”.
La terza caratteristica di questa “campagna” nuova rispetto al passato è che per la prima volta conta moltissimo il Web, cioè il dialogo ininterrotto fra alcuni milioni di cittadini e i politici su Internet, il che fra l’altro sembra poter spiegare il forte impatto sui sondaggi dei nuovi “populisti”, da Grillo a Ingroia, accanto a una finora inedita propensione all’astensionismo.
La quarta (ma certo non ultima) caratteristica del momento è la fortissima prevalenza della questione fiscale nel dibattito programmatico fra le forze in campo. Pagare le tasse non piace a nessuno, tanto più quando continuano ad aumentare (sotto forme diverse) e quando non se ne vedono concretamente i vantaggi per uno Stato e le sue Regioni, in cui si manifesta una crescente incapacità di corrispondere alle spese per i pubblici servizi. Sotto le continue proteste (e promesse) antitasse di Berlusconi e Maroni e le velate concessioni di Bersani, il “Professore”, cioè il maggiore accusato di tartassare gli italiani con le imposte, ha parlato, al suo debutto nella “campagna” domenica scorsa a Bergamo, di una «misurata e graduale riduzione delle tasse», senza riferimenti particolari. Vedremo se gli basterà.

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo