logo san paolo
mercoledì 08 dicembre 2021
 
Elezioni Usa
 

Elezioni Usa: lo scontro Clinton Trump deciso dai Latinos?

07/11/2016  L’ultimo giorno di una campagna elettorale fra le più brutte, sporche e cattive della storia americana sorride a Hillary Clinton

Il direttore dell’FBI, James Comey, annuncia con una lettera al Congresso che nelle email della candidata democratica non ci sono contenuti che potrebbero portare a una sua incriminazione. Alla Clinton si rimprovera solo la leggerezza di aver usato, quando era segretario di Stato, un server di posta elettronica non affidabile dal punto di vista della sicurezza. Così, la clamorosa decisione dell’FBI di aprire una nuova inchiesta sulla Clinton a nove giorni dal voto non porta svolte clamorose, anche se Donald Trump adesso tuona contro il “sistema corrotto” che, a suo dire, proteggerebbe le presunte malefatte di Hillary Clinton. L’apertura dell’inchiesta aveva fatto recuperare punti al candidato repubblicano, ma ora la candidata democratica sta risalendo nei sondaggi.

I Latinos scendono in campo. Metteranno loro la parola fine sulle elezioni USA?

A confortare la Clinton c’è la grande affluenza al voto dei Latinos (la popolazione ispanica), che sta partecipando in massa al voto anticipato, possibile nel sistema elettorale degli Stati Uniti. Difficilmente i Latinos potranno votare per Trump, a causa dei suoi discorsi contro gli immigrati e del suo proposito di alzare un muro alla frontiera con il Messico.

La partecipazione al voto della popolazione di origine sudamericana compensa il calo di affluenza da parte degli elettori afroamericani, c
he nel 2008 e nel 2012 avevano votato in massa, motivati dalla presenza di un candidato come Barack Obama.

L'ultimo giorno delle elezioni Usa a caccia di voti negli Swing State

  

Queste ultime ore della campagna elettorale sono, come sempre, frenetiche. Hillary Clinton e Donald Trump salgono e scendono dagli aerei senza sosta, ormai rauchi per i troppo comizi. I due candidati cercano soprattutto di conquistare i voti degli elettori degli “swing state”, cioè quegli stati chiave dove la vittoria può portare alla conquista della Casa Bianca. Gli elettori più corteggiati sono quelli della Florida, dell’Ohio e della Pennsylvania. Dal 1960 nessun candidato ha conquistato la Casa Bianca senza aver vinto almeno due di questi stati. Lo stesso Obama, che si sta spendendo moltissimo per la vittoria di Hillary Clinton, domenica è stato in Florida, dove ha parlato in uno stadio di baseball, ripetendo che Trump non è qualificato per fare il presidente degli Stati Uniti.

Multimedia
Stati Uniti, a Philadelphia l'abbraccio tra Hillary e Obama
Correlati
I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo